Gengivite, come curarla?

La gengivite è un’infiammazione delle gengive che può procurare molto dolore a chi ne soffre. La gengivite può avere un’influenza negativa ed essere condizionante anche per la vita sociale di una persona. Difficoltà a masticare e arrossamento delle mucose possono poi essere anche accompagnate da alitosi. Curare la gengivite è però possibile e sono svariati i trattamenti a cui si può far ricorso per uscire dall’incubo.

In generale il trattamento più utilizzato è quello che fa ricorso a prodotti di natura antinfiammatoria. Il cortisone è uno di questi, più precisamente l’idrocortisone da applicare localmente sulla zona dolente. È possibile trovarlo facilmente nelle farmacie sotto forma di pasta dentata o crema.

Ibuprofene, acido acetil salicilico, possono aiutare magari assunti sotto forma di pasticca o in compresse effervescenti per le loro proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche. Non sottovalutiamo però l’aiuto che può derivare dalle piante. La spirea ad esempio è un noto antinfiammatorio naturale che può essere utilizzato in sostituzione dell’aspirina in tutti i casi in cui useremmo il farmaco di sintesi. Anche la malva è un’ottima soluzione, da utilizzare sia per sciacqui da fare con il decotto ottenuto facendo bollire all’interno dell’acqua le foglie della malva, oppure è possibile anche applicare sulla parte dolente direttamente le foglie della malva stesse per ottenere una sensazione di sollievo immediato.

In generale però chi soffre di gengivite deve avere alcune accortezze. È importante infatti evitare le bibite gassate e i dolci. Mangiare frutta e verdura ma con una particolare attenzione nei confronti di quelle che tendono a lascare residui fastidiosi tra i denti. Quando laviamo i denti dobbiamo spazzolare anche le gengive ma evitando di fare troppa pressione per non ferirci per portare via il tartaro.

In ultimo, quando la gengivite è provocata da un calo delle difese immunitarie, possiamo assumere integratori alimentari contenenti propoli ed echinacea per combattere la patologia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.