Vaccino antinfluenzale: fa bene al cuore

Sul vaccino antinfluenzale se ne sono sempre dette di tutti i colori. In passato – dopo che vennero prodotte centinaia di migliaia di dosi del vaccino contro la temutissima influenza AH1N1 rimaste poi invendute, si gridò allo scandalo. In realtà il vaccino antinfluenzale, oltre a proteggerci dai maggiori ceppi di batteri in circolo in un determinato periodo dell’anno, generalmente quello più freddo, farebbe anche bene al cuore e sarebbe utile anche per affrontare le malattie cardiache. A parlarne è uno studio americano che ha studiato l’effetto del vaccino antinfluenzale su soggetti affetti da patologie dell’apparato cardiaco.

Non solo utile contro l’influenza stagionale quindi, il vaccino antinfluenzale sembrerebbe essere ottimo anche per le persone affette da patologie del cuore. Ad affermarlo è una ricerca di origine americana e pubblicata recentemente sul Journal of the American Medical Association (JAMA) che ha messo in evidenza come la vaccinazione antinflunzale sia particolarmente adatta anche per i pazienti affetti fa patologie cardiache. La ricerca ha coinvolto oltre 6 mila pazienti con un’età media di 67 anni e di cui un 36% del campione era composto di persone con precedenti di tale tipo.

Gli eventi patologici al livello cardiovascolare arrivano quasi a raddoppiare quando un paziente non si è sottoposto a vaccino antinfluenzale, afferma la ricerca, che mette in evidenza come chi avesse ricevuto il vaccino abbia presentato episodi simili nel 2,9% dei casi al contrario di coloro che invece non avevano provveduto a vaccinarsi che invece hanno presentato la comparsa di determinati problemi nel 4,7 dei casi.

Un gesto semplice insomma può rendersi molto importante ed evitare quindi che problematiche che affliggono la sfera cardiaca possano evolversi o manifestarsi. Un risultato molto importante quello ottenuto dai ricercatori americani che apre una nuova finestra sul mondo del vaccino da oggi non più utilizzato come banale antinfluenzale ma come vero e proprio salvavita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.