Covid, i sintomi ci sono ma il tampone è negativo: ecco perché

Si registrano sempre più casi in cui i sintomi del Covid ci sono, ma il tampone risulta negativo con Omicron 5
tampone per il covid-19

Ultimamente capita spesso che, sebbene ci siano i sintomi, il tampone del Covid-19 risulti negativo. In queste settimane sono sempre di più i casi in cui si registra questo fenomeno. In particolare, tale situazione si sta verificando con la nuova ondata dei contagi da Omicron 5, la nuova variante. Questi risultati, anche in presenza dei classici sintomi, ha ovviamente attirato l’attenzione della Federazione dell’Ordine dei Medici, che oggi si ritrova a fare le sue considerazioni, palesando tre ipotesi. Per dare una spiegazione vengono, dunque, fatte delle supposizioni, in modo da poter chiarire questo dubbio una volta per tutte. Ecco cosa è uscito fuori.

Sintomi Covid, ma il tampone è negativo: ecco perché succede

Con la nuova ondata della variante di Omicron 5, stanno aumentando i numeri dei pazienti che denunciano di avere i sintomi del Covid ma il test risulta negativo. Per dare una spiegazione a questo fenomeno, la Federazione dell’Ordine dei Medici ha reso note tre ipotesi. La prima supposizione è che ormai i sintomi precedano il risultato positivo al tampone, poiché dopo due anni di pandemia il sistema immunitario sarebbe più reattivo. Pertanto, si attiverebbe più velocemente contro il Covid. Quindi, il consiglio è quello di riprovare a effettuare il test se i sintomi persistono. La seconda ipotesi, frutto di vari studi, fa notare che le nuove sottovarianti Omicron 4 e 5 genererebbero meno particelle virali nelle cellule del naso. E così potrebbero uscire fuori dei falsi negativi. L’ultima ipotesi è che i tamponi fai da te prelevino in modo errato il materiale biologico e così danno dei falsi negativi. Oggi non ci sono dei numeri precisi sui pazienti che si ritrovano a vivere questa situazione.

NapoliToday ha intervistato Alessandro Perrella, Direttore UOC malattie Infettive Emergenti e ad Alta Contagiosità dell’Ospedale Cotugno di Napoli per avere ulteriori delucidazioni al riguardo. Nel corso di questa intervista, il primario fa presente che “vi sono diverse malattie infettive che possono dare manifestazioni cliniche simili a quelle del COVID-19”. Non esistono test di laboratorio specifici per tutte queste sindromi. Inoltre, spiega che “esistono anche altri Coronavirus che possono mimare sintomi del COVID-19, come ad esempio il Parainfluenzale 4, che non sono rilevabili dal test antigenico nè molecolare per SARS-COV-2”.

Il dottor Perrella precisa che, attualmente, il tampone molecolare è ancora “il test più preciso” per rilevare la presenza di SARS-CoV-2 e delle varianti. Ci sono, però, anche dei casi in cui il tampone fai da te risulta positivo, mentre quello molecolare negativo. Questo può dipendere da vari fattori: “Diversa raccolta del materiale biologico in termini di quantità, esperienza dell’operatore, ecc”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.