This must be the place è un film del 2011 da vedere


Un film del 2011 da vedere? This must be the place è sicuramente da non perdere. Funziona benissimo l’accoppiata Paolo Sorrentino e Sean Penn in questa meravigliosa pellicola The must be the place (Sento che questo dovrebbe essere il posto) dal titolo di una canzone dei Talking Heads. Un vero e proprio capolavoro ricco di simbolismi e metafore non tutte di facile interpretazione ma ognuna di straordinaria intensità. Cheyenne è una rock star che ha smesso di cantare e di esibirsi, soprattutto a causa del forte senso di colpa per la morte di due fans che avevano evidentemente mal percepito i messaggi delle canzoni di Cheyenne. Ma la rock star non cambia look, sempre “nascosto” dietro la sua maschera che è anche indice di una maturità mai raggiunta e di un’eterna giovinezza, e trincerato dietro la paura e a tratti l’incapacità di crescere.

Tutto questo a causa dei rapporti mai esistiti con il padre e tutta colpa del peso del suo personaggio che da un lato continua ad interpretare e dall’altro cerca di rigettare. Cheyenne vive accanto ad una donna che gli fa un po’ da compagna un po’ da figura paterna e materna. Quando la rock star riceve una chiamata che gli preannuncia la vicina morte del padre, Cheyenne decide di andare dal padre ma arriverà tardi e il suo viaggio dopo si trasforma in ricerca, la ricerca di chi è stato l’ossessione del padre: un gerarca nazista che lo aveva sottoposto ad una umiliazione in un campo di concentramento. E così il film arriva nel suo epicentro, con il viaggio onirico di Cheyenne che nega di essere in cerca di se stesso anche se è esattamente quello che fa. Al termine del suo viaggio capisce una cosa molto importante: è giunto il momento di crescere, liberarsi dei sensi di colpa e soprattutto della sua maschera e tornare a casa. Significativo per delineare il suo personaggio, il suo costante andare in giro con un carrello della spesa, nella prima parte del film e con un trolley durante il viaggio. È come se in quel bagaglio esterno Cheyenne portasse con se tutto il peso dei sensi di colpa e di una maschera di cui non riesce a liberarsi.

LA TRAMA DI THIS MUST BE THE PLACE


Cheyenne è stato una rockstar nel passato. Anche se ora ha 50 anni, continua a vestirsi e truccarsi come quando saliva sul palcoscenico e vive agiatamente con la moglie Jane a Dublino. La morte del padre, con il quale non aveva più alcun rapporto da più di trent’anni, lo spinge a tornare a New York. Scopre così che l’uomo aveva un’ossessione: vendicarsi per un’umiliazione subita in campo di concentramento. Cheyenne decide di proseguire la ricerca del padre e inizia un viaggio attraverso gli Stati Uniti.

Il nostro voto al film è 7,5

 


Leggi altri articoli di Cinema e Spettacolo

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close