Brani Sanremo 2020, Levante canta TikiBomBom: testo e significato

L’abbiamo lasciata dietro al bancone di X-Factor, l’abbiamo ritrovata in giro per l’Italia con la sua musica e da domani sera la vedremo a Sanremo 2020. Levante è una delle protagoniste femminili dell’edizione 70 del Festival e arriva all’Ariston con il brano TikiBomBom una canzone che ha un testo molto significativo e importante. Sin dalle prime strofe si intuisce che Levante vuole parlare di qualcosa di molto forte e infatti la sua canzone è una canzone contro la discriminazione.

I diversi sono i protagonisti del brano di Levante. I diversi sono tanti e purtroppo ancora oggi, nel 2020, le differenze esistono. A scuola, in amore, in ufficio, per le strade, in televisione…E Tikibombom parla proprio dei diversi: di persone di differente nazionalità, di diverso orientamento sessualedonne libere dai cliché di genere. I diversi sono anche tutti coloro che non necessariamente amano fare quello che potrebbe essere “normale” per chi e per cosa poi, non si sa!

Ecco la scaletta della prima serata

Levante si esibirà nella second serata.

BRANI SANREMO 2020, LEVANTE CANTA TIKIBOMBOM: ECCO IL TESTO COMPLETO

Non ci resta che leggere il testo completo della canzone di Levante

TIKIBOMBOM
di Levante
Ed. Metatron Publishing – Torino

Ciao tu, animale stanco

Sei rimasto da solo

Non segui il branco

Balli il tango mentre tutto il mondo

Muove il fianco sopra un tempo che fa

Tikibombombom

Hey tu, anima indifesa

Conti tutte le volte in cui ti sei arresa

Stesa al filo teso delle altre opinioni

Ti agiti nel vento

Di chi non ha emozioni

Mai più, è meglio soli che accompagnati

Da anime senza sogni pronte a portarti con sé, giù con sé.

Laggiù, tra cani e porci,

Figli di un Dio minore pronti a colpirci

Per portarci giù con sé, giù con sé.

Noi, siamo luci di un’altra città

Siamo il vento e non la bandiera, siamo noi.

Noi, siamo gli ultimi della fila

Siamo terre mai viste prima, solo noi

Ciao tu, freak della classe

“Femminuccia” vestito con quegli strass

Prova a fare il maschio

Ti prego insisto

Fatti il segno della croce e poi

Rinuncia a Mefisto

Hey tu, anima in rivolta

Questa vita di te non si è mai accorta

Colta di sorpresa, troppo colta

Troppo assorta, quella gonna è corta

Mai più, è meglio soli che accompagnati

Da anime senza sogni pronte a portarti con sé, giù con sé.

Noi, siamo luci di un’altra città

Siamo il vento e non la bandiera, siamo noi.

Noi, siamo gli ultimi della fila

Siamo terre mai viste prima, solo noi

Noi siamo angeli rotti a metà

Siamo chiese aperte a tarda sera, siamo noi.

Noi, siamo luci di un’altra città

Siamo il vento e non la bandiera, siamo noi.

Noi, siamo gli ultimi della fila

Siamo terre mai viste prima, solo noi

Noi siamo l’ancora e non la vela

Siamo l’amen di una preghiera, siamo noi.

Ciao tu, animale stanco

Sei rimasto da solo

Non segui il branco

Balli il tango mentre tutto il mondo

Muove il fianco sopra un tempo che fa

Tikibombombom

Levante con il suo brano vuole sottolineare anche un’altra cosa. Spesso i diversi si sentono dire “non sei solo”. In realtà non sempre è vero. Tante sono le frasi di circostanza, le cose dette senza così, senza neppure crederci. Il vero messaggio potrebbe essere: continua, credici, ce la farai anche se sei da solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.