Gaia Trussardi ha lasciato l’azienda di famiglia per la musica, sicura della sua scelta


Non è stato semplice per Gaia Trussardi lasciare il mondo della moda, l’azienda di famiglia per scegliere ciò che oggi la rende felice, la musica. Ha avuto paura, si è sentita insicura ma oggi ha la certezza di avere fatto la scelta giusta. Gaia Trussardi non era soddisfatta, fino a due anni fa era la direttrice creativa della maison Trussardi ma a 41 anni ha cambiato ogni cosa. Non era più felice, ha lasciato l’azienda in cui lavora ancora suo fratello, Tomaso Trussardi. Tra le pagine di Grazia racconta delle aspettative che sapeva avevano gli altri su di lei, di come sia cresciuta in quell’ambiente che abbracciava insieme azienda e famiglia, casa e fabbrica. Ha capito che voleva uscirne ma non è stato semplice. Tra i desideri di Gaia Trussardi non solo la musica, la voglia di cantare ma anche quella di contribuire per un mondo migliore.

GAIA TRUSSARDI REALIZZA I SUOI SOGNI

Si potrebbe pensare che ai vertici dell’azienda Trussardi avesse tutto e invece non era quello che la rendeva felice. Ha inciso il suo primo singolo “Love Love” in cui canta con Ezy Williams e Haruna Kuyateh. Un brano che è parte di un progetto ben più ampio.

La musica è venuta dopo, quando ho capito che a 40 anni non potevo avere più rimpianti: nella mia vita ho scritto molte canzoni, ma erano rimaste tutte nel cassetto. E ho deciso di autoprodurmi, ma legandomi al mio progetto sull’integrazione, aiutando qualche musicista immigrato. Ho cercato talenti in giro”. Gaia ha iniziato a scrivere dopo la morte del padre, deceduto in un incidente stradale. Nel 2003 ha perso nello stesso modo anche suo fratello Francesco.

A sostenerla c’è sempre suo marito, Adriano Giannini; è lui che le ha dato equilibrio, sempre così calmo. Gaia racconta della sua insicurezza della paura dei pregiudizi. Oggi è ancora più bella, perché felice, soddisfatta, magari meno insicura. Ci vuole coraggio per cambiare tutto e trasformare la vita. 

Ultime Notizie Flash su Instagram

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close