Paola Turci dopo l’incidente, per la prima volta mostra le cicatrici (Foto)

Una foto mai pubblicata sui social, Paola Turci per la prima volta mostra le cicatrici, foto scattate dopo l’incidente, dopo i numerosi interventi al viso. Oggi scherza ma trova come sempre un messaggio profondo, il coraggio e la sicurezza di Paola Turci fanno spazio a quel “pirata”. Così si definisce la cantante mostrando a tutti com’era tanti anni fa. Era il 1993, era estate e Paola era in viaggio sull’autostrada, era una delle tante, era l’autostrada Salerno-Reggio Calabria ed erano le 6:30 del mattino. C’era lei alla guida, poi l’impatto, violento. Era viva ma aveva gravi ferite al viso. Il suo volto all’improvviso non era più bellissimo. 13 operazioni, una sulla guancia e ben 12 all’occhio, più di 100 punti: quel tragico incidente stradale le aveva cambiato all’improvviso la vita. Era in viaggio per un concerto, dalla Sicilia alla Campania, era quella la sua vita ma era anche l’unica volta che guidava in macchina per andare a un concerto. Un attimo di distrazione e Paola Turci non era più la donna invincibile che credeva di essere.

PAOLA TURCI: “SONO STATA UN PIRATA”

Era un pirata bellissimo ma i suoi occhi erano puntati sempre e solo sulle cicatrici. Non dimenticherà mai la faccia aperta, la percezione del sangue, non vedeva nulla ma iniziò a sentire le urla delle persone che si avvicinavano alla sua auto. 

“Per due anni mi sono usciti vetri dalla faccia” ha raccontato pochi anni fa. Per tanti anni l’abbiamo vista coprirsi il volto, nascondere il più possibile quella parte del volto così trasformata mentre tutti la vedevano sempre bellissima. 

“Fatti bella per te” cantata nel 2017 sul palco di Sanremo svelava già il suo viso che non voleva più nascondere. Oggi la rinascita è totale mentre il suo post da pirata si riempie di cuori rossi. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.