Arisa: “In questo periodo mi sento un po’ ridicola”

Lo sfogo di Arisa, la sua sincerità finisce ancora una volta sui social
arisa sfogo

Arisa ha infiammato il palco del Tim Summer Hits ieri sera, l’abbiamo vista in tv, l’abbiamo vista a Rimini, si è rivista anche lei e si è trovata ridicola. Non le bastano i complimenti, non le basta avere trovato una forma fisica diversa e non parla solo dell’imbarazzo nel rivedersi mentre canta in playback. Tra le storie di Instagram quello di Arisa è il racconto di se stessa in questo periodo. Sempre così schietta questa volta confida che in questo periodo si sente ridicola. Chiede ai follower cosa pensano del suo nuovo pezzo “Tu mi perdicion”, lei lo adora e anche sul palco ieri sera ha spiegato che è la storia di un amore che resta tale anche se non si vive come un vero rapporto, anche se non viene consumato ma resta dentro.

Arisa ripete mille volte che si sente ridicola ma nessuno lo pensa

“Il problema è che quando canto in playback mi sento ridicola, comunque stasera ho cantato a Teramo, anche lì un po’ ridicola, non ero in playback però un po’ di ridicola… in questo periodo mi sento un po’ ridicola. Mostriamo il fianco e diciamo che Arisa è ridicola così diamo la possibilità a tutti di dire che Arisa è ridicola. So ridicola che mi frega io ci metto tutto l’amore che posso… ridicola… il mio amore è ridicolo, però il pezzo è bello”.

Sì, il pezzo è bellissimo, la sua voce incanta sempre, ma chi le ha detto che è ridicola? Qualcuno a cui ha fatto ascoltare il suo nuovo brano? Tutti parlano della storia d’amore che non c’è o forse non c’è mai stata con Vito Coppola. Arisa ha parlato della fame che le era passata, del dolore che ha vissuto ma anche di avere compreso cos’è l’amore. Non si è mai ridicoli quando si ama, non può esserlo lei nemmeno quando canta in playback e si racconta attraverso i versi di una canzone.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.