Maurizio Aiello discriminato in tv, indicato come quello malato di tumore racconta tutto (Foto)

E’ nell’intervista con Eleonora Daniele a Il Sabato Italiano che Maurizio Aniello racconta tutta la verità su quanto gli è accaduto, su ciò che ha dovuto subire per avere raccontato di un nodulo asportato (foto). Maurizio Aiello sottolinea che è stato discriminato in tv, indicato come quello che era malato di tumore, altro che solidarietà, se hai un problema di salute ti allontanano. Il punto è che nel suo sfogo l’attore di Un posto al sole spiega che lui non ha avuto nessuna malattia, nessun problema di salute, ha tolto un nodulo benigno perché si trovava vicino alle corde vocali. Il suo errore, confessa alla Daniele, è stato quello di parlare tanto. L’ha fatto per sensibilizzare gli altri sulla prevenzione, per far capire quanto sia importante controllarsi prima che sia troppo tardi. Ad Aliello quel nodulo aveva fatto paura, è una reazione normale, poi ha saputo che era un nodulo semplice, l’ha tolto e ne ha parlato con molta tranquillità. Sono spuntati così i titoloni, gli articoli che parlavano delle sue condizioni di salute dopo la chemioterapia, dopo la radioterapia.

L’attore invece non aveva subito niente del genere, a ormai il meccanismo era già tutto in moto: “Il mio scopo era unicamente di far capire alle persone quanto fosse importante sensibilizzare a fare la prevenzione. Però spesso nel nostro ambiente, paradossalmente, invece di essere solidali nei tuoi confronti, vieni discriminato. Quindi magari qualcuno prima di prenderti e farti firmare un contratto…”. 

Ha quindi attraversato un periodo duro, non di certo per un nodulo: “Io non ho mai fatto niente, ho soltanto levato un nodulo benigno, avrei anche potuto tenerlo, solo che era vicino alle corde vocali e l’ho levato. Però era un nodulo semplice, ne ho parlato e hanno fatto i titoli grossi, sono passato per quello malato di tumore ma in realtà non è mi successo”. Era il 2010 e rivedremo presto Maurizio Aiello a Un posto al sole e ovviamente in gran forma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.