Montecchio, nonno vigile morto per proteggere i bambini

Si sacrifica per salvare i bambini che ogni giorno aiutava ad attraversare la strada. È avvenuto ieri a Montecchio, nel vicentino. Il nonno vigile ha visto arrivare a folle velocità un’auto e istintivamente si è precipitato per salvare un bambino dalla strada. Purtroppo Antonio Mercanzin, 73 anni, ha perso la vita, è morto in seguito ad un volo di circa venti metri.

L’investitore è un italiano di 31 anni, incensurato. Dopo aver travolto l’uomo, ha proseguito la corsa con la sua auto per alcuni metri, ma vedendo la folla avvicinarsi ha rallentato e si è recato nel vicino distretto sanitario per farsi medicare. Si trova ora in ospedale, dove è stato sottoposto a test medici e biologici. Secondo le testimonianze l’automobilista era in evidente stato di alterazione.

Mercanzin, ex vigile urbano, nell’ora di pranzo si trovava come sempre presso la scuola “Zanella” di Alte Ceccato, frazione di Montecchio, per consentire a bambini e genitori di attraversare la strada in sicurezza. Ed è qui che per salvarli ha perso la vita.

«Antonio ha sacrificato la vita per evitare una strage – ha commentato Milena Cecchetto, sindaco di Montecchio Maggiore- Quell’auto poteva essere fatale per i bambini in uscita dalla scuola. Invece lui non ha avuto dubbi: si è sacrificato per loro. La sua ultima azione riflette una vita dedicata alla sicurezza e al rispetto delle regole. Abbiamo perso una persona che ha donato una vita intera alla comunità».  

Assunta De Rosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.