Scosse in montagna: allarme in Veneto


È da qualche mese che la popolazione avverte boati in Val Lapisina. Inizialmente questi episodi avevano creato un alone di mistero intorno alla vicenda. Ma pare ci sia poco da scherzare: si tratta di micro terremoti, che invece di far vibrare la terra, al momento si evidenziano per i forti boati. L’allarme parte proprio dal prefetto Franco Gabrielli, capo della protezione civile che ha preso il posto di Bertolaso. L’ipotesi è che queste scosse siano segno di un imminente sisma di dimensioni maggiori.

Siamo a Fadalto, località del Comune di Vittorio Veneto. «La nostra bella Italia è un paese a rischio sismico, 800 Comuni sono in zona 1, 2000 in zona 2». E in zona 2, rimarca Gabrielli, ci sono i Comuni veneti dei boati del Fadalto. «E pure l’Aquila».

Il capo della protezione civile afferma che «il sistema di Protezione civile regionale è allertato, sono stati potenziati tutti i sistemi di controllo», e aggiunge «Ai cittadini non dico “state tranquilli”, ma “preparatevi”. Primo: serve una verifica delle abitazioni, lo stesso cittadino deve farlo. Secondo: bisogna seguire alcune elementari norme precauzionali. Avere con sé una pila, acqua, la batteria del cellulare carica. Non è allarmismo, ci sono paesi, come la California, che convivono con la possibilità di terremoti e si attrezzano».


Oggi vi è stato un incontro in municipio a Vittorio Veneto per organizzare la simulazione di un piano di evacuazione per rischio sismico, ma anche per comunicare alla popolazione quali debbano essere i comportamenti e le precauzioni da adottare nell’eventualità in cui la terra tra la Val Lapisina e l’Alpago dovesse iniziare a tremare.

Gabrielli però non ritiene opportuno andare ad ascoltare i boati «per evitare di fare passerelle». Invita quindi il Veneto ad attrezzarsi, ed esorta anche i cittadini a farlo: «aiutati che il ciel t’aiuta».

Assunta De Rosa


  • Tag

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close