Abruzzo, la terra trema ancora


A meno di due anni di distanza dal sisma di L’Aquila, che fece 300 vittime, l’Abruzzo ha di nuovo paura.

Questa notte, poco prima della mezzanotte, la terra ha tremato ancora. Questa volta l’epicentro è tra la città di Sulmona e la Val Peligna, a circa 60 km da L’Aquila. La scossa registrata è stata di 3,1 di magnetudo e quindi attorno ai 4 gradi della scala Mercalli. Gli abitanti delle zone in cui è stata avvertita la scossa sono entrati nel panico, mentre nel capoluogo protagonista della triste vicenda del 2009, a L’Aquila, non si è avvertito nulla. E ci sarebbe da aggiungere “meglio così” perchè l’ansia di poter rivivere quel giorno non passa mai.

Questa notte gli abitanti di Sulmona e dei paesi limitrofi, si sono riversati in strada per la paura, e i centralini dei vigili del fuoco si sono nuovamente intasati. C’è molta empatia e tanta paura tra chi, solo due anni fa, ha visto L’Aquila svanire nel nulla. Proprio per la grande paura sempre presente oramai nei cuori degli abruzzesi, molte persone questa notte sono corse in strada senza aver avvertito nulla, ma solo perché hanno visto gli altri fuggire.

La scossa, particolarmente intensa e definita “breve ma molto secca”, non ha riportato danni a case, cose o persone. Solo, ripetiamo, tanta paura. O meglio, panico. Panico di rivivere quel maledetto 6 Aprile 2009, che per molti ha significato tanto,  e ai quali ha portato via tutto.

Sara Moretti


  • Tag

2 commenti su “Abruzzo, la terra trema ancora”

  1. 7 Maggio 2011

    Hi, I have visited your site and I liked it. I found your site by search engine Ask and I must say that the contents are very interesting.

    Hello

    • 10 Maggio 2011

      I’m linking this webpage from my personal weblog . this has all the usefull information necessary.

    Commenta l'articolo


    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Riscontrata interferenza con Ad Blocker

    Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

    Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

    Grazie per il supporto, buona lettura!

    Close