La Lega insulta una deputata del Pd perché disabile

Ieri, 31 Marzo 2011, Ileana Argentin, deputata del pd ha denunciato: “Io disabile insultata per il mio handicap“. Sembrerebbe essere stato un deputato della Lega a offendere la signora.

Dopo l’intervento in aula di Italo Bocchino sulla bagarre di ieri e oggi alla Camera, sono partiti applausi da tutti i deputati delle opposizioni. Come sempre, la Argentin, essendo su una sedia a rotelle e non avendo l’uso delle mani, è accompagnata da un assistente, che, quando lei lo indica, applaude per lei. Dunque quando sono partiti gli applausi dai deputati dell’opposizione, ha applaudito anche l’assistente della Argentin, al suo posto. A quel punto, il deputato del Pdl Osvaldo Napoli si è alzato ed è corso verso Argentin per ammonire con l’indice alzato il suo assistente. «Tu – avrebbe detto rivolgendosi al giovane Francesco – non ti devi permettere di battere le mani, hai capito?».

Dagli esponenti del Pd si è sollevato un coro di proteste contro Napoli, mentre tornava al suo posto. Ma non è finita qui: durante la bagarre, dai banchi della Lega, racconta l’interessata, proprio mentre lei sta per spiegare al presidente della Camera l’accaduto, parte il grido: «Falla stare zitta quell’handicappata del c…!». Noi mettiamo i puntini di sospensione a questa frase, ma voi lettori avrete benissimo capito la continuazione.

Pare, secondo quanto affermato da chi era seduto nelle vicinanze, che l’insulto alla deputata del Pd, fosse arrivato da Massimo Polledri, ma lui smentisce e dice di aver detto solo «Ha ragione!» riferendosi a Osvaldo Napoli. E questa è anche la frase che risulta dai verbali dell’Assemblea.

Ma molti esponenti del Pd sono in grado di confermare con certezza l’insulto. Argentin comunque va avanti e spiega che per colpa della sua malattia deve per forza usare le mani di qualcun altro per applaudire: «Se io desidero applaudire qualcuno dell’opposizione – spiega nel suo intervento – lo faccio quando voglio e lo faccio con le mani di chiunque». E dopo l’affermazione è partito un lungo applauso dal centrosinistra.

Riservandoci dal commentare l’accaduto, ricordiamo l’aricolo 3 della nostra Costituzione:

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Sara Moretti

2 responses to “La Lega insulta una deputata del Pd perché disabile

  1. La lega dovrebbe cacciare questi parlamentari che non sono degni di partecipare nemmeno alla peggiore delle riunioni di condominio …….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.