Gemelline scomparse, parla mamma Irina Lucidi


Le ricerche proseguono. Dove sono Alessia e Livia le gemelline scomparse dalla loro casa in Svizzera? Lo vorrebbe sapere soprattutto una persona: la loro mamma Irina Lucidi che dai primi giorni di febbraio non ha pace. Matthias Schepp, papà delle gemelline ed ex marito, non c’è più. Ma di lui si continua a parlare. Solo lui sa infatti dove sono le bambine. Inutile dire che le speranze che Alessia e Livia siano vive diminuiscono sempre di più. E ora dopo le ultime notizie e le ultime segnalazioni torna a parlare Irina. E’ bene ricercare ma bisogna chiudere determinate piste che non porteranno da nessuna parte. Questa una delle sue frasi rilasciata proprio questa mattina durante le ricerche nel lago. Una nuova pista oggi in seguito a una testimonianza arrivata forse troppo tardi. Ve ne abbiamo già parlato un lago potrebbe nascondere la verità su questa storia.

Un uomo infatti avrebbe visto Matthias Schepp trascinare una valigia proprio il 3o gennaio. Ma perchè se ne è ricordato solo adesso? La sua testimoninaza è arrivata infatti solo i primi giorni di aprile. La polizia elvetica si è impegnata in queste ora lla ricerca di una qualsiasi traccia utile ma per ora nessuna novità da questa pista.


Un lago come abbiamo detto potrebbe custodire il segreto di un uomo che ha voluto punire in modo così crudele una donna che ha amato. E’ vero, come dice Irina, la speranza è l’ultima a morire. La speranza che l’uomo davanti agli occhioni delle due gemelle abbia potuto cambiare idea sul suo piano diabiloco c’è ancora ma è sempre più flebile con il passare del tempo.

Un lago potrebbe rivelare la verità e forse dimostrarci ancora una volta fino a che punto può spingersi l’essere umano.


Leggi altri articoli di News e Cronaca

1 commento per “Gemelline scomparse, parla mamma Irina Lucidi”

  1. 15 Aprile 2011

    […] Gemelline scomparse, parla mamma Irina Lucidi […]

    Commenta l'articolo


    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Riscontrata interferenza con Ad Blocker

    Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

    Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

    Grazie per il supporto, buona lettura!

    Close