Sarah Scazzi: tra Sabrina e Ivano ritrovati centinaia di sms


Il reparto dei carabinieri che si occupa di tecnologie informatiche, della sezione telematica, ha decodificato un numero spropositato di sms scambiati tra Sabrina e Ivano. Sono centinaia i messaggini che Sabrina Misseri ha inviato all’amico Ivano. Sabrina, attualmente in carcere assieme al padre, è accusata di aver ucciso la sua cuginetta, Sarah Scazzi, e il movente dell’omicidio sarebbe stata l’eccessiva gelosia della Misseri nei confronti dell’amico in comune, Ivano Russo.

Quest’ultimo infatti, per Sabrina era molto più che un amico e le attenzioni che Sarah riservava per lui non le sono andate giù, al punto da compiere, secondo gli inquirenti un gesto folle: uccidere la cugina più piccola.

I Carabinieri del Reparto di tecnologie informatiche del Racis di Roma, sono stati al lavoro per molte settimane per poter decodificare i messaggi, attraverso l’esame della memoria del telefono, della sim card e l’esame delle memory card esterne. Gli sms decodificati confermano il rapporto particolare che si era instaurato tra Sabrina Misseri e Ivano Russo: i due dialogavano spesso attraverso uno scambio di sms, e i carabinieri sono riusciti a recuperare il contenuto di questi messaggini.

Si parla di centinaia di sms scambiati tra i due giovani, il numero esatto di messaggini che i carabinieri del Reparto di tecnologie informatiche del Racis hanno decodificato dalle memorie è stato definito «impressionante» dagli inquirenti.

Adesso è tutto in mano alla procura, per cercare di capire se quei testi dei messaggini possono essere utili ai fini delle indagini e per scagionare o condannare definitivamente la cugina di Sarah, Sabrina.

Sm


Leggi altri articoli di News e Cronaca

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close