Delitto Melania Rea ultime notizie, aveva pranzato con il suo assassino?

Proseguono le indagini sul delitto di Carmela Melania Rea, la donna scomparsa il 18 aprile scorso da Colle San Marco, e ritrovata morta due giorni dopo nel bosco di Ripe di Civitella (Teramo). Le ultime notizie porterebbero ad un risvolto inedito per questo efferato delitto. Pare infatti che la povera Melania sia stata a pranzo con il suo assassino il giorno della scomparsa. A portare le indagini in questa direzione, è il ritrovamento di due scontrini. Intanto si prepara un nuovo sopralluogo nella zona in cui il corpo di Melania Rea è stato ritrovato. Inoltre è previsto un nuovo colloquio, da parte degli investigatori, con Salvatore Parolisi, marito della vittima.

Il comandante provinciale dei carabinieri di Ascoli, Alessandro Patrizio, sulle indagini non si pronuncia. Infatti non rilascia dichiarazioni sugli esami che si stanno svolgendo in questi giorni riguardo gli oggetti ritrovari vicino al corpo di Melania Rea.

Quel che è certo, è il fatto che si sta verificando accuratamente quale possa essere l’arma del delitto utilizzata per uccidere Melania Rea. Quindi i carabinieri del Ros stanno esaminando tre coltellini prelevati da una coltelleria della zona di Ascoli Piceno. Si vuole confrontare se uno dei tre coltelli possa corrispondere con l’arma utilizzata per uccidere Melania Rea. Questi accertamenti riportano ancora una volta all’ambiente lavorativo del marito di Carmela, Salvatore Parolisi. Pare infatti che tali coltellini siano quelli che le soldatesse sono solite regalare, a fine corso, ai loro istruttori. E come è ormai noto, il marito di Melania svolge il ruolo di addestratore delle giovani reclute di sesso femminile presso il Reggimento Piceno di Ascoli.

Il nuovo sopralluogo nel bosco di Ripe di Civitella, avverrà con l’ausilio di cani addestrati all’individuazione del sangue umano. Si vuole ricontrollare il luogo in quanto il sangue ritrovato nel punto preciso in cui Melania è morta sarebbe troppo esiguo, rispetto a quello che avrebbe dovuto perdere la giovane donna con le ferite da arma da taglio. Si sospetta infatti che Melania Rea non sia stata uccisa in quel punto, ma riportata lì solo in un secondo momento.

Intanto si fa strada l’ipotesi che Melania possa essere stata uccisa da qualcuno che conosceva molto bene, tanto da pranzarci insieme proprio quel 18 aprile scorso, data della scomparsa. Tale ipotesi sarebbe scaturita da due scontrini ritrovati nel cestino dei rifiuti del Chiosco della Pineta, situato nel luogo del ritrovamento del cadavere, nel bosco delle Casermette, a Ripe di Civitella. Gli scontrini rimanderebbero ad una panetteria di un paesino situato vicino Teramo, Villa Lempa.

Il giallo di questa giovane mamma morta nel fiore dei suoi anni, si infittisce sempre di più. La verità però, sembra ancora molto lontana.

Assunta De Rosa

4 responses to “Delitto Melania Rea ultime notizie, aveva pranzato con il suo assassino?

  1. A pranzo con il suo assassino. Ne sono convinta. Il marito nella ricostruzione di quella giornata a Chi l’ha visto ha omesso di parlare del pranzo perchè?. E la Sciarelli, tutta dalla parte del marito, non gliel’ha chiesto. Marito, moglie e bambina sono andati alla caseremette per un pic nic con l’assassiono o assassini. Qui c’è tutta l’aria che il marito sia complice.

  2. stava in pantaloncini e maglietta estiva !!! forse xche lui erain casa e per qualche ragione si dovuto allontanare in fretta

  3. ma in un parco cosi’ frequentato possibile che nesuno ha visto niente? mah….cmq una donna non uccide una rivale per avere il marito di un’altra a meno che non sia d’accordo con quest’uomo .
    Eccezione fatta per avetrana ma li’ e’ tutta un’altra storia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.