Melania Rea ultime notizie: interrogato Parolisi, non è indagato

Continuano le indagini nell’omicidio di Carmela Rea, per tutti Melania, giovane mamma di una bambina di appena 18 mesi, sparita il 18 aprile scorso e ritrovata morta due giorni dopo, a 18km dal luogo della sua scomparsa. Vediamo insieme le ultime notizie. L’unico testimone dell’accaduto è il marito, Salvatore Parolisi, caporalmaggiore dell’Esercito Italiano e sotto torchio dagli inquirenti per via di alcune congruenze riscontrate nei vari interrogatori, in primis la sua relazione extraconiugale con una soldatessa, che lui ha definito “una storia finita da tempo“, mentre la ragazza 27 enne, la presunta amante, non ha confermato queste parole anzi, ha parlato di relazione stabile che dura da circa due anni.

Da poche ore è terminato il terzo interrogatorio in soli due giorni del marito di Melania Rea, Salvatore Parolisi. L’uomo ha lasciato la caserma dei carabinieri di Castello di Cisterna, in provincia di Napoli, accompagnato da un parente. I genitori di Melania sono assolutamente convinti della sua innocenza, pensano che Parolisi possa essere tutto, fuorché complice nell’omicidio della moglie.

Al momento Parolisi dunque rimane l’unica persona informata sui fatti, ma non è indagato. Il  caporalmaggiore dell’Esercito Italiano, in servizio presso la caserma Clementi di Ascoli Piceno, era già stato sentito ieri e anche in quell’intterogatorio aveva confermato la sua versione del racconto della scomparsa della moglie, avvenuta il 18 aprile da Colle San Marco, mentre erano in gita in provincia di Ascoli Piceno. Aveva inoltre aggiunto che ha voluto omettere l’esistenza della sua relazione con la soldatessa per delicatezza nei confronti della famiglia di Melania Rea, già distrutta dal dolore della perdita dell’amata figlia.

Inoltre, sempre nella giornata di oggi, gli inquirenti hanno sentito diversi familiari e amici della coppia.

Sm

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.