Melania Rea, parla il fratello: “Non l’ha uccisa Salvatore” (video)

Le indagini sull’omicidio di Melania Rea, la ragazza 29 enne di Somma Vesuviana ritrovata morta il 20 aprile, dopo due giorni dalla sua scomparsa, proseguono con tanti, forse troppi perché. Dalle prime ricostruzioni dei fatti, com’è noto, Melania sarebbe sparita il 18 aprile da Colle San Marco, mentre era in gita con il marito – Salvatore Parolisi – e la figlioletta Vittoria, una bambina di soli 18 mesi di vita. Tuttavia, non vi è ancora una “prova regina” che confermerebbe la presenza di Melania Rea e Parolisi lì a Colle San Marco, in provincia di Ascoli. Il corpo della giovane donna invece, è stato ritrovato il 20 aprile, privo di vita, nel teramano, a Ripe di Civitella, nella pineta conosciuta con il nome di “bosco delle casermette“.

Chi ha ucciso Melania e perché rimane ancora un mistero, anche dopo un mese dalla morte della giovane. Gli inquirenti stanno indagando nella vita privata del marito Salvatore, caporalmaggiore dell’esercito italiano, per capire con chi potrebbe avere intrecciato relazioni che avrebbero potuto mettere in qualche modo in pericolo la giovane moglie Melania Rea.Intanto, sono spuntate fuori nel corso delle indagini due storie extraconiugali del marito di Melania Rea, con due soldatesse. La prima, Ludovica P., soldatessa 27 enne, avrebbe affermato di essere l’amante di Parolisi da due anni; la seconda, Rosa, avrebbe invece parlato di una relazione occasionale, un flirt da poco conto, avuto due anni fa con il suo ex addestratore, il marito di Melania Rea, appunto.

Il fratello della vittima però, pare non avere dubbi: Salvatore con la morte di sua sorella non c’entra nulla, così come ha spiegato ai microfoni di Quarto Grado.

Ecco il video: http://video.mediaset.it/video/studioaperto/edizione_servizio/227500/salvatore-parla-il-fratello-lui-non-ha-ucciso-melania.html#tc-s1-c1-o1-p1

Sm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.