Riccardo Bianchi: “Così ho ucciso Ilaria e Gianluca”

Ieri, 26 giugno 2011, Riccardo Bianchi, accusato di duplice omicidio, è stato sottoposto all’interrogatorio di garanzia. Nell’interrogatorio di ieri davanti al Gip Stefania Donadeo e al pm Cecilia Vassena, Riccardo Bianchi ha raccontato quello che ricordava di quella notte tra il 23 e il 24 giugno 2011: la notte in cui ha ucciso i fratelli Ilaria e Gianluca Palummieri. La sera del 23 giugno, Riccardo Bianchi era uscito con Gianluca, avevano bevuto qualcosa, e continuava a ripetere al fratello di Ilaria quanto gli volesse bene. Sono bastate poche ore perché Riccardo da migliore amico si trasformasse in assassino. Erano le due di notte quando il ragazzo, 21 anni, ha ucciso Gianluca Palummieri a Cesano Boscone. Riccardo racconta di avergli inflitto almeno venti coltellate, prima di caricarlo nel bagagliaio della sua Fiat Panda. Dopo di che, Riccardo si è recato nella casa in cui abitava anche Ilaria, entrando con le chiavi di Gianluca. Avrebbe afferrato la sua ex ragazza, l’avrebbe legata al letto e violentata per ore. Racconta di averle stretto i fili del joystick della Xbox intorno alle gambe per poi ucciderla, soffocandola con un sacchetto di plastica in testa. Riccardo ha inoltre riferito agli inquirenti di averla vegliata per ore. Dopo di che pare che si sia cambiato i suoi abiti sporchi, prendendo qualcosa dall’armadio dell’amico Gianluca. Ha preso dall’appartamento anche un lenzuolo: lo stesso in cui era avvolto il corpo di Gianluca, trovato dagli operatori ecologici. I genitori del ragazzo hanno nominato un legale in sostituzione di quello d’ufficio, Si tratta di Gianluigi Bonifati del Foro di Lodi. Nei prossimi giorni il nuovo legale potrebbe chiedere un altro interrogatorio.

 

 

 

 

 

One response to “Riccardo Bianchi: “Così ho ucciso Ilaria e Gianluca”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.