Melania Rea ultime notizie, la famiglia acquisice gli atti d’inchiesta

Proseguono le indagini sulla morte della 29 enne di Somma Vesuviana, Melania Rea, trovata morta in un bosco a Ripe di Civitella, e, secondo i primissimi responsi dell’autopsia, uccisa con una tecnica militare. Questo, ma non solo, fa pensare che il marito della donna sia tristemente legato all’avvenimento. Pochi giorni fa era arrivato il divieto da parte della procura di Ascoli, della pubblicazione degli atti investigativi. Per questo motivo gli atti saranno acquisiti oggi, 28 giugno 2011, dai familiari della donna. Unico indagato per la morte di Melania è il marito, Salvatore Parolisi, caporalmaggiore dell’Esercito Italiano. Su di lui pesa l’accusa di omicidio volontario. Inoltre, Parolisi nel suo primo interrogatorio da indagato si è avvalso della facoltà di non rispondere, comportamento questo che ha lasciato in dubbio gli stessi genitori di Melania, che non si fidano più del marito della figlia: anche loro inziano a sospettare che Parolisi stia nascondendo qualcosa. Secondo le ultime notizie, gli atti verranno acquisiti dai familiari di Melania per la difesa della donna, visto che la famiglia Rea si è costituita parte civile. I genitori di Melania infatti, hanno nominato due consulenti di parte, Buccelli e Di Lorenzo, dell’Universita’ di Napoli. Spetterà a questi ultimi stabilire assieme al legale Gionni quale sarà la linea d’azione da seguire, una volta in possesso degli atti di indagine. Parolisi, nel frattempo, ha lasciato la casa di Ascoli, dove viveva con la moglie, per tornare a stare dai genitori, in provincia di Napoli, a Frattamaggiore. L’uomo è assistito dai legali Walter Biscotti e Nicodemo Gentile.

 

3 responses to “Melania Rea ultime notizie, la famiglia acquisice gli atti d’inchiesta

  1. No, Gigi sarà durissima pure per gli avvocati di Salvatore, smontare le prove della Procura di Ascoli Piceno, se l’ha iscritto nel registro degl’indagati, dopo molto tempo. Un motivo valido per accusarlo pur ci sarà, che terrà di sicuro alle loro bordate!

  2. Tutto parla contro quel VERME , la validità degli avvocati difensori , servirà poco.
    Condanna : ERGASTOLO in mancanza della pena di morte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.