Melania Rea ultime notizie, Salvatore Parolisi inchiodato da più di un testimone

L’omicidio di Melania Rea è sembrato più volte giungere ad una svolta. Quando Salvatore Parolisi è stato indagato per l’omicidio volontario della moglie l’indagine sembrava ormai arrivata al termine, ma non è stato così. La giustizia ha i suoi tempi, e la famiglia Rea deve ancora attendere per scoprire chi ha assassinato Melania e perché, ma è anche vero che la stampa non può sempre informare in tempo reale su ciò che davvero sta accadendo.

In queste settimane in tanti si sono posti tantissime domande su Salvatore Parolisi, sembrava strano che non ci fossero testimoni o che non spuntasse fuori un qualunque dettaglio tra tanto materiale almeno apparente. Ci ha pensato il settimanale Oggi ad informare tutti circa le fonti della Procura e il contenuto di una testimonianza in particolare. La rivista è in edicola oggi e rivela al suo interno ciò che gli inquirenti definiscono come “la carta più importante dell’accusa”.

La testimone che inchioderebbe Parolisi è una ragazza di Ascoli che il giorno della scomparsa di Melania si trovava al parco giochi di Colle San Marco e ci è rimasta dalle 14 alle 15,30. In quel lasso di tempo la testimone è sicura di non avere visto né Salvatore, né Melania, né la piccola Vittoria.

A confermare la veridicità della testimonianza in questione ci sarebbero altri testimoni, diversi tabulati telefonici e le riprese di una telecamera che confermerebbero la presenza della giovane donna nel luogo e nel momento da lei riferito. Ma non sarebbero questi gli unici elementi in mano all’accusa, sempre più convinta di avere trovato il colpevole dell’omicidio di Melania Rea.

 

 

6 responses to “Melania Rea ultime notizie, Salvatore Parolisi inchiodato da più di un testimone

  1. Che Salvatore abbia mentito grosssolanamente sulla sparizione di Melania a Colle San Marco era noto, ormai da tempo, una versione dei fatti colabrodo, che faceva acqua da tutte le parti, appena la si volesse esaminare a fondo. Parolisi ha mentito sfacciatamente ancora in molte altre occasioni, specie davanti agl’investigatori, che cercano la verità sull’omicidio della moglie, ha rifiutato di rispondere agl’inquirenti nel primo interrogatorio da indagato ufficiale per l’uxoricidio di Melania. Credo che il caporal maggiore abbia sottovalutato la sensibilità e la disponibilità della gente marchigiana, come è l’ascolana, a collaborare con la giustizia, specie in un delitto efferato come quello di Melania. Non è che i testimoni oculari non ricordano, come hanno spiegato i suoi avvocati, di non averlo visto a Colle San Marco, dalle 14,00 alle 15,30, ma ricordano molto bene, i molti testi che erano vicini al parco giochi delle altalene, di non aver veduto né lui, né Melania, né la bimba, perché effettivamente non c’erano. E guarda caso, tanti testimoni se lo ricordano invece dopo le 15,30, quando in effetti era sul pianoro, per la messinscena della scomparsa della donna.

  2. E’ ormai noto da tempo che Salvatore ha mentito grossolanamente sulla sparizione di Melania a Colle San Marco, così come ha detto il falso in numerose latre occasioni dell’indagine in corso sull’omicidio della molgie. Né lui, né tanto meno Melania sono stati a Colle San Marco dlale 14,00 alle 15,30. Il caporal maggiore arriverà dopo quest’ora, con la bimba, solo per la messinscena della scomparsa della donna, ma evidentemente non ha fatto i conti con i tanti gitanti che si trovavano sul pianoro, in particolare con quelli più vicini al parco giochi delle altalene, e sono molti, e soprattutto ha confidatto sull’apatia della gente, dello scarso interesse e più ancora sul disinteresse delle persone ad “impicciarsi”, così da testimoniare contro la sua versione sfacciata dei fatti. Peccato però che non abbia considerato a sufficienza la disponibilità a collaborare con la giustizia della gente marchigiana, ascolana compresa. Tutti i testi non è che non ricordano di non averlo visto, ma ricordano bene di non averlo veduto, e la differenza è sostanziale.

  3. Condivido Tosca. Salvatore farebbe benne a confessare l’uxoricidio, almeno si liberebebela coscienza da un peso terribile per i più, ma pur di sperare di farla franca, difficilmnte parlerà. Se lo facese otterrebbe clemenza e quella comprensione umana che si concede persino agli assassini rei confessi.

  4. Da una cinquantina almeno! E che non bastano!? Per affermare con certezza che Salvatore non ha mai portato Melania a Colle San Marco, il 18 aprile, ma direttamente nel bosco delle Casermette, dove le è stata tolta la sua givane vita!?

  5. salvatore è colpevole ludovica è una zoccola melania una vittima e vittoria? di tutta questa brutta storia la piccola vittoria e la vera vittima!!!! ora incomincerò un’altra guerra quella tra le famiglie x vittoria!!! che casino tutta colpa del caporal maggiore ciularino parolisi che marcisca in galera quel porco e che cazzo di caserma era quella si addestravano soldaresse o prostitute e i superiori dove erano possibile che nessuno si accorgesse di nulla??? ma questo e un nuovo mistero italiano!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.