Melania Rea ultime notizie, Parolisi: al vaglio i dati della chat su Facebook

E’ una rete fitta quella del giallo di Melania Rea, la 29 enne di Somma Vesuviana trovata morta nel bosco di Ripe di Civitella nel teramano. Melania, com’è noto, è stata uccisa da diverse coltellate, e il suo corpo fu trovato solo due giorni dopo dalla sua sparizione, che avvenne il 18 aprile, come ha sempre dichiarato il marito, Salvatore Parolisi. E’ proprio quest’ultimo il personaggio chiave della vicenda, attorno a cui si è focalizzata l’attenzione degli inquirenti. In queste ore si sta cercando di capire se Parolisi ha detto davvero tutta la verità riguardo la scomparsa di Melania, quel maledetto 18 aprile. Per fare ciò si stanno analizzando le tracce nell’auto di Parolisi, il suo navigatore satellitare e, secondo le ultime notizie, gli inquirenti sono volati in California, per chiedere di aver accesso ai dati facebook. Negli ultimi giorni si sta pensando di tutto: fose la verità sulla morte di Melania può trovarsi negli strumenti tecnologici, dal navigatore satellitare alla chat di Facebook, social network che Parolisi utilizzava per chattare. Come riferisce il quotidiano abruzzese Il Centro, gli investigatori di Ascoli sono sbarcati in California per chiedere – con una rogatoria internazionale – di aver accesso agli archivi telematici del social network alla ricerca di messaggi cancellati tra Salvatore Parolisi e la sua amante Ludovica, anch’essa soldatessa. I risultati della ricerca negli Stati Uniti, scrive Il Centro, sono già nelle mani dei carabinieri del Ros. Dunque molto presto si saprà se dai meandri di Facebook è uscito qualcosa di interessante per arrivare alla verità sulla morte di Melania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.