Sarah Scazzi ultime notizie: è iniziato il processo (video)

Un anno e tre giorni dopo la sparizione e la morte di Sarah Scazzi, a Taranto inizia l’udienza preliminare per l’omicidio della quindicenne di Avetrana (Taranto). Ricordiamo che la piccola Sarah scomparve da casa, quel 26 agosto 2010, mentre andava a casa della cugina, Sabrina Misseri, per recarsi al mare con lei e un’altra amica, Mariangela. Sarah fu ritrovata solo dopo 40 giorni, in un pozzo nelle campagne tra Avetrana e Nardò, grazie alla confessione dello zio, Michele Misseri. I giudici che hanno coordinato le indagini non hanno dubbi: a uccidere Sarah sono state la cugina Sabrina Misseri, probabilmente a causa di una gelosia diventata ingestibile, e la madre di quest’ultima, Cosima Serrano, sorella di Concetta, la madre di Sarah. In aula oggi c’è anche lei, assieme al padre di Sarah, Giacomo Scazzi e al fratello Claudio.Tgcom ha riportato in esclusiva un video in cui si vede la famiglia Scazzi uscire di casa per recarsi al processo. Tra gli imputati, come sappiamo, ci sono Cosima Serrano e Sabrina Misseri, Michele Misseri, suo nipote Cosimo Cosma e due dei quattro avvocati imputati, Vito Russo junior ed Emilia Velletri.
Tra l’altro è la prima volta che Sabrina Misseri si trova davanti al padre Michele, padre che l’ha trascinata nel delitto. Il legale di Sabrina ha detto di non voler anticipare nulla, prima di entrare in aula ed ha aggiunto:Per quel che mi riguarda le cose che devo dire le dirò in udienza, poi si possono commentare e si può spiegare tutto. Il primo destinatario di una iniziativa difensiva è il giudice”.
E’ anche la prima volta che mamma Concetta, la madre di Sarah Scazzi, si trova davanti alla famiglia Misseri, famiglia con cui è anche imparentata, e che da un anno le ha rovinato la vita. Concetta oggi è voluta essere lì, per guardare negli occhi quelli che sono stati accusati di esser stati gli assassini di Sarah.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.