Sarah Scazzi ultime notizie: Michele Misseri scrive una lettera a Sabrina

Il giallo sulla morte della piccola Sarah Scazzi si infittisce ogni giorno di più. Ecco le ultime notizie. Spunta una nuova lettera, scritta lo scorso 10 agosto da Michele Misseri, indirizzata alla figlia Sabrina. Lui, suo padre, che l’ha dapprima trascinata nelle indagini, dichiarandola colpevole, e poi ha fatto di tutto per farla uscire fuori. Lui che continua, ancora oggi, a dirsi l’unico colpevole in questa triste storia: secondo quanto dichiara infatti, Sabrina e Cosima sarebbero innocenti. La loro unica colpa sarebbe quella di essere moglie e figlia di un mostro come lui. Oggi Tgcom, in esclusiva, pubblica la lettera scritta da Michele Misseri a Sabrina, il giorno di San Lorenzo. “Cara Sabrina, sono io che ti scrivo, Papà”, inizia così la missiva.Sto vivendo tristemente. Il diario che sto scrivendo si intitola proprio così ed è il mio diario della tristezza. Sto sempre male perché voi non centrate proprio niente, però io, in quei giorni che ti ho incriminato, ero troppo debole. Il mio legale per me non era un avvocato ma un giudice. Mi hanno portato dove hanno voluto loro. A me dispiace per quello che ti ho fatto, lo so che ho sbagliato e solo adesso mi rendo conto di quello che ho fatto. Adesso sono diventato molto aggressivo, mi viene da dare le botte a tutti i turisti, che, ogni volta che devo uscire, sono come le formiche che escono da tutte le parti. L’ho detto ai carabinieri ma non fanno proprio niente. Anche loro sono contro di me. Sono preoccupato per il 26 agosto. Perché sicuramente verranno turisti e giornalisti e non potrò uscire di casa, come quando devo andare in caserma. Tanti saluti da papà. Io non mi sento più papà”.

Dunque Michele Misseri è ancora convinto: Sabrina e Cosima sono innocenti, è lui l’unico colpevole. I giudici invece lo considerano inattendibile e sono convinti che ad uccidere la piccola Sarah Scazzi siano state proprio zia Cosima e la cugina Sabrina Misseri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.