Ragazza morta per gioco erotico ultime notizie: l’amica esce dal coma

Le ultime notizie sulla morte di Paola Caputo, la 24 enne di Guagnano (Lecce) morta la notte tra venerdì 9 e sabato 10 settembre in un garage in zona Settebagni a Roma mentre praticava un gioco erotico, riguardano questa volta l’amica Federica. La ragazza era sopravvissuto allo shibari, anche se si trovava in gravi condizioni. Era in coma farmacologico da diversi giorni. Soter Mulè, il ragazzo che si trovava con loro quella maledetta notte, era riuscito a Salvare solo lei, quando ha visto che Paola era ormai morta. Ieri Federica è uscita dal coma, ma ricorda ben poco. Non sa ancora quello che è successo e la fine che ha fatto la sua amica, Paola Caputo. Ecco le ultime notizie.

Federica, ha appena aperto gli occhi, uscendo dal coma farmacologico. La 23 enne non ha ricordato nulla, ha chiesto subito di sua madre, quando ha ripreso conoscenza. E’ in stato confusionale, crede di essere al 22 luglio:  “Che cosa è successo? Come mai mi trovo qui? Mi sono addormentata? Ero in aeroporto stavo aspettando le valigie dopo il viaggio in Tunisia. Non è il 22 luglio?”, ha chiesto la ragazza 23 enne cercando la madre nella stanza di ospedale. Nonostante la ragazza sia confusa e ammette di non ricordare nulla, il pm Golfieri ha cercato di farle molte domande, per conoscere la sua versione. E’ importante quello che dichiarerà Federica: una volta che riuscirà a ricordare cosa è successo quella notte nel garage, la sua versione potrebbe anche far cambiare la posizione di Soter Mulè, che attualmente è ai domiciliari con l’accusa di omicidio colposo. Inoltre Soter Mulè vuole chiedere perdono alla famiglia di Paola Caputo, che conosceva molto bene. Per questo motivo ha deciso di scrivere loro una lettera. Nella lettera chiede di non modificare la loro stima nei confronti della figlia solo per un gioco erotico che l’ha uccisa (leggi la lettera).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.