Roma cinesi uccisi: l’ombra della mafia cinese dietro il suicidio


Due giorni fa è stato ritrovato morto, impiccato in un casolare alla periferia di Roma, zona Boccea, uno dei due presunti killer di Zhou Zheng e Joy, i due cinesi, padre e figlia, uccisi a Roma con un colpo di pistola la sera del 5 gennaio, a causa di un tentativo di rapina finito male. Uno dei due presunti assassini, ricercati per via delle impronte digitali che avevano lasciato sulla borsetta contenente i soldi sottratta alla vittima, è stato trovato morto. Si tratterebbe di un maghrebino, di 30 anni. Accanto a lui un cellulare, che adesso la polizia scientifica sta analizzando: potrebbero provenire proprio dall’apparecchio importanti indizi. Il nome dell’uomo trovato impiccato è Mohammed Nasiri, 30 anni, e, secondo gli inquirenti, era  colui che ha premuto il grilletto, forse per errore, della pistola che ha ucciso padre e figlia. Aveva agito insieme a un connazionale sui 20 anni che è ancora super ricercato, ma si pensa che sia già all’esteroSecondo le ultime notizie, l’uomo avrebbe ingerito veleno per topi e si sarebbe impiccato ad un gancio. Nelle sue tasche, come dicevamo prima, c’era un telefono cellulare, probabilmente usato dal fuggiasco per contattare persone a cui chiedere aiuto e per comunicare con il complice. A scoprire il cadavere nel casolare, non ancora ispezionato dai carabinieri nonostante le migliaia di controlli in città, sono stati alcuni ragazzi che in quel luogo stavano giocando a softair. A Torpignattara, nel frattempo, c’è poca voglia di parlare: «Hanno trovato impiccato uno degli assassini di Zhou Zeng e di Joy? Ormai non ci interessa più». Un ragazzo azzarda un’ipotesi:
«Evidentemente qualcuno è arrivato prima della polizia – racconta un ragazzo –. Non credo al suicidio. Perché? Semplicemente non ha senso». «La mafia cinese si è attivata per tempo e ha risolto il problema. Se fossi al posto dell’altro ricercato correrei a costituirmi». Nelle immediate vicinanze di via Casilina, a un soffio dal bar gestito dal cinese brutalmente ammazzato, in molti si ritrovano per scambiare quattro chiacchiere e fumare una sigaretta. «Non poteva finire diversamente – spiega una donna coi capelli neri e gli occhi a mandorla –. Quando vai colpire determinate persone non puoi far altro che scappare e sperare. Non ha fatto bene né l‘una, né l’altra cosa». «Meglio così. A Roma c’è un criminale in meno», dice un signore di mezza età.


1 commento per “Roma cinesi uccisi: l’ombra della mafia cinese dietro il suicidio”

  1. 11 Dicembre 2014

    […] Roma, c’è la mano della mafia cinese dietro un caso clamoroso di suicidio – LEGGI QUI […]

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

    © Ultime Notizie Flash

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close