Arrestate diciassettenni: facevano shopping con feto morto nella borsa

Scoperta choc dentro una borsa di una diciassettenne. Arrestate due ragazze in un negozio a Manhattan. Le due minorenni sono state fermate da un vigilante antitaccheggio perché avrebbe rubato degli oggetti all’interno del negozio. Ma non finisce qui. All’interno della borsa di una delle due giovani, oltre a contenervi il bottino rubato, vi era anche un’altra cosa: i resti di un feto morto.La scoperta del feto morto dentro la borsa ha lasciato sconvolto il vigilante che avrebbe subito avvertito le forze dell’ordine. A quanto pare una delle due diciassettenni trasportava con sé dentro una borsa dei resti di feto morto. La due ragazze sono satte fermate dal vigilante dentro il negozio Victoria’s Secret, a Manhattan. Il vigilante ha così bloccato le due giovani e avrebbe subito avvertito la polizia.  A far sospettare il vigilante, infatti, sarebbe stato uno strano odore proveniente dalla borsa della diciassettenne. Ed ecco la macabra scoperta: i resti di un feto morto.

La giovane è stata poi ricoverata all’ospedale. Sembra che la diciassettenne avrebbe confessato agli investigatori di aver partorito il giorno prima e che non sapeva cosa fare. Anche l’altra ragazza è stata poi interrogata dagli investigatori.  Le due diciassettenni sono state così arrestate, accusate di furto di lieve entità e possesso illegale di oggetti. Ciò che resta ancora da capire è se il feto fosse ancora vivo o già morto al momento del parto.  Per rispondere a qualsiasi dubbio è stata disposta un’autopsia in modo da poter fornire un maggior chiarimento alla vicenda. Ovviamente, in caso di esito positivo,le due diciassettenni dovranno rispondere a nuove accuse. Il solo pensiero che dentro una borsa possa esservi un feto morto vengono i brividi. Sicuramente quello della diciassettenne non è stato un comportamento da responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.