Ricercatore italiano muore in Antartide durante un’immersione

Un ricercatore italiano perde la vita in Antartide durante una missione subacquea. Aveva 40 anni

Luigi Michaud, un ricercatore italiano del dipartimento di Scienze Biologiche ed Ambientali dell’università di Messina, ha perso la vita all’età di 40 anni in Antartide durante un’immersione. A diffondere la notizia è stata l’Enea durante un comunicato stampa ufficiale.

Luigi Michaud si era recato in Antartide durante uno dei suoi viaggi di studio. Il ricercatore italiano si trovava nella base italiana Mario Zucchelli presso la Baia Terra Nova. L’uomo stava effettuando un’immersione in acqua quando ha avvertito un malore.

Secondo quanto riporta il comunicato stampa ufficiale dell’Enea, è la prima volta che un ricercatore italiano perde la vita durante una spedizione in Antartide. Franco Ricci, il capo della spedizione, ha spiegato che Luigi Michaud stava svolgendo attività scientifica subacquea con lo scopo di riuscire a prelevare dei campioni marini. La squadra di soccorso è intervenuta immediatamente ma è stato tutto inutile.

Luigi Michaud aveva 39 anni e lascia la moglie e i due figli. Il ricercatore si era laureato alla facoltà di Scienze biologiche nel 2001 e aveva conseguito il dottorato in Scienze ambientali. Non era la prima volta che il ricercatore partecipava alle spedizioni in Antartide, ma non era mai successo nulla, né gli era capitato di avvertire malesseri durante l’attività subacquea.

il rettore dell’Università di Messina, Pietro Navarra, ha espresso tutto il suo più sentito cordoglio per la moglie di Luigi Michaud e per i suoi figli ancora piccoli. I colleghi del ricercatore, invece hanno dichiarato: “Non potremo mai dimenticare le doti umane e morali di Luigi, che sempre riusciva ad associare la sua grande statura a una simpatia unica nel suo genere. Ieri, quel mare dell’Antartide che Luigi amava, con un amore incondizionato, lo ha cullato durante un immersione scientifica come tante altre volte, ma purtroppo in questa occasione gli è stato fatale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.