Torino, lite al seggio elettorale: militante comunista dà una testata a esponente di Sel

Rissa al seggio elettorale di Torino. Un militante capolista dei comunisti dà una testata al collega di Sel rompendogli il naso

A Torino, c’è stata una feroce lite al seggio elettorale. Un militante comunista dà una testata al collega esponente di Sel. Gli rompe il setto nasale con una testata, questa la conseguenza di una rissa avvenuta in un seggio elettorale di Torino. L’episodio è avvenuto a Nichelino, nell’hinterland di Torino. I protagonisti sono un esponente dell’area dei Comunisti Italiani, Renato Marando, e l’ex segretario provinciale di Sel, Marco Brandolini (in foto). Marando, capolista del suo partito alle comunali, ha colpito con una testata il collega Marco Brandolini, candidato anche lui alle elezioni municipali di Nichelino.

Una testata in pieno volto e anche inaspettata: non ha dato il tempo di difendersi al collega. La rissa è scoppiata all’interno di uno dei seggi in allestimento a Nichelino, nella scuola Papa Giovanni. Il tutto davanti gli occhi di un agente di polizia, che era presente sul luogo. Brandolini è stato trasportato all’ospedale Santa Croce di Moncalieri (Torino).

Caltanissetta, battesimo finito in rissa – LEGGI QUI

Il militante comunista non è nuovo a gesti clamorosi. Marando aveva già provato ad aggredire Brandolini durante una seduta del consiglio comunale di Nichelino. Dopo vari contrasti durante le primarie del centrosinistra, la rissa finale è stata solo il culmine delle aspre divisioni. Alla fine sono stati presentati ben tre candidati sindaci progressisti. Se le lesioni fossero giudicate guaribili in oltre venti giorni, scatterebbe la denuncia d’ufficio e non sarebbe necessaria la querela della parte offesa.

Nuova rissa per Balotelli: insegue il ladro del suo smartphone e lo picchia – LEGGI QUI

La federazione torinese di Sel ha definito l’episodio “una vergognosa aggressione”. Dunque, una rissa al seggio elettorale ha mostrato palesemente il nervosismo che sta attraversando tutta la politica italiana. Un militante comunista dà una testata a un esponente di Sel e gli rompe il setto nasale. Come minimo, ci si aspetta le sue scuse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.