Emergenza maltempo: un morto fulminato, mamma e figlio salvi per miracolo

L’emergenza maltempo a Roma e in tutto il Lazio ha fatto una vittima: a Latina un uomo è morto dopo essere stato verosimilmente colpito da un fulmine. La vittima ha circa 40 anni ed è probabilmente extracomunitaria. Non aveva con sé documenti di identità. A trovare il cadavere sono stati alcuni passanti che hanno subito chiamato i carabinieri e il 118: questi ultimi però, giunti tempestivamente sul posto, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso.

FULMINI KILLER – CLICCA QUI

Il corpo senza vita è stato rinvenuto nei pressi del cimitero di Castelforte, in provincia di Latina. Si indaga sul caso anche se, proprio in considerazione del forte nubifragio che ha colpito la zona, l’ipotesi più accreditata è quella che l’uomo sia stato folgorato da un fulmine. Sul corpo infatti son state rinvenute ferite da bruciatura. Un tragico incidente che è stato letale e che si aggiunge alla lista di inconvenienti e disagi causati dal maltempo che si sta abbattendo sulla capitale in questi ultimi giorni. A Latina è la seconda vittima di questa ondata di maltempo, dopo la morte dell’uomo di 36 anni che è annegato mentre faceva il bagno a San Felice Circeo. Sempre a San Felice Circeo un fulmine ha colpito un appartamento che ha preso fuoco. Allagamenti sulla Pontina, che unisce Latina a Roma.

Anche Roma è allagata in molte zone, soprattutto in periferia, tanto che diverse strade sono state chiuse al traffico. La circolazione è in tilt.

MALTEMPO A ROMA: TRAFFICO IN TILT

Una donna e suo figlio sono vivi per miracolo: lei e il suo bambino sono stati soccorsi dai vigili del fuoco all’altezza via di Vermicino, nella periferia est della Capitale, dopo che la loro auto era stata sommersa dall’acqua che aveva invaso la carreggiata.

NUBIFRAGIO ROMA, STRADE E METRO CHIUSE

Sulla Tuscolana il piano interrato di un palazzo è stato letteralmente invaso dal fango: i vigili del fuoco hanno fatto evacuare una coppia di anziani che abitava in un appartamento ai piani superiori. Dovunque a Roma e nelle altre province del Lazio crescono i disagi e sale la paura per l’allerta maltempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.