India, undicenne violentata dal branco e poi uccisa: è l’ennesimo caso


Ancora uno scempio in India. Un’undicenne è stata prima violentata dal branco, poi uccisa e abbandonata in un campo. È l’ennesimo caso di violenza sulle donne in India e ancora una volta a rendersi partecipe delle violenze è il branco. La vittima è un’undicenne indifesa. Poco difesa anche dalle leggi, visto che molti continuano a eseguire violenze sapendo già che talvolta rimarranno impunite. L’episodio è avvenuto a Gurgaon, cittadina di New Delhi. La vittima apparteneva a una famiglia di lavandai. Era scomparsa domenica sera dopo essere andata a consegnare dei vestiti a circa mezzo chilometro da casa.


È stata prelevata da un branco di uomini durante e il tragitto e violentata senza pietà. Dopo è stata uccisa per non poter testimoniare contro di loro e abbandonata in un campo. Gli investigatori hanno trovato segni di una violenza sessuale, commessa da più uomini, e di strangolamento. Secondo una prima tesi messa su dalla polizia, il branco l’avrebbe caricata con forza su un’auto e dopo la violenza lasciata in un parcheggio di autobus frequentato da ubriachi.

India, bambina violentata e impiccata – LEGGI QUI

Ecco le parole del commissario di polizia che si è occupato del caso: “L’abbiamo cercata nello stesso posto, verso le due di notte, e non c’era: è ovvio che è stata scaricata lì in seguito”. Nella stessa zona, non meno di un mese fa, una bambina di due anni è stata rapita e violentata. Si tratta dunque dell’ennesimo caso di violenza sessuale in India. Stavolta, un’undicenne è stata violentata e poi uccisa dal branco.


Leggi altri articoli di Dal Mondo

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close