Terremoto Roma 11 maggio 2011, parla l’esperto


Continua a fare notizia la “voce” che l’11 maggio 2011 un terremoto devastante potrà colpire Roma.

Stavolta a smentirla, però, ci pensa un esperto. “Non c’è alcun elemento scientifico che ci permette di azzardare una simile previsione: è una pura e semplice leggenda metropolitana che sta montando nel web e, anche nelle scuole”: a dichiararlo è Gabriele Scarascia Mugnozza, direttore del dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Roma La Sapienza. Il comune di Roma non è certo un’area ad elevata pericolosità sismica, tanto che non ci sono tracce storiche di terremoti devastanti con epicentro nella città.

Come risulta dalla ”Classificazione Sismica del Lazio” messa a punto dalla Regione, a Roma si possono risentire gli effetti di terremoti che avvengono in due aree, le uniche che possono essere interessate da fenomeni di questo genere sono i Colli Albani, a più di 20 km dalla capitale, e l’Appennino abruzzese, a oltre 100 km di distanza, dove i terremoti possono raggiungere la magnitudo 7.


Il direttore del Dipartimento di Scienze della Terra ci tiene a porre l’accento sul fatto che attualmente è impossibile pensare di prevedere i movimenti sismici, poiché non abbiamo conoscenze sufficienti.
Ciò che preoccupa maggiormente in queste voci è quindi il quadro diffuso di superstizione e creduloneria, ma soprattutto pochissima cultura geologica, proprio in un paese “in cui terremoti, frane, alluvioni ed eruzioni vulcaniche sono presenti nelle cronache quotidiane”. Lo stesso insegnamento della geografia come materia scolastica, termina il professore, “è sempre più ridotto ed è ormai quasi scomparso dai programmi scolastici”.

Giusy Cerminara


Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close