Santoro contro Masi, Rai sconfitta

E’ Michele Santoro il vincitore nel duello contro Masi. E’ arrivata questa mattina la sentenza della Corte d’Appello di Roma. Il ricorso delle Rai contro il conduttore di Annozero è stato bocciato e ritenuto inammissibile. Ricordiamo che la Rai aveva deciso di prendere le vie legali dopo al messa in onda della puntata del 27 gennaio scorso. Subito dopo l’anteprima di Annozero, in diretta tv, Mauro Masi telefonò in trasmissione dicendo che lui e l’azienda si dissociavano dai contenuto che sarebbero stati trattati durante la puntata. Qual’era il tema così scabroso? Si è parlato del Rubygate con tutte le relative intercettazioni e ricostruzioni. Quando però Santoro chiese se la trasmissione sarebbe stata bloccato il direttore della Rai disse di no. Sarebbe questo uno dei motivi principali per il quali la Corte d’Appello avrebbe preso questa decisione.

La puntata era stata oggetto di diverse verifche e i vertici di Viale Mazzini si erano riuniti per deliberare in merito. Anche il ministro Paolo Romani era intervenuto in questa vicenda mandando una lettera all’Agcom ( anche se in quel caso il riferimento era alla puntata del 20 gennaio 2011). Secondo il ministro Annozero avrebbe violato il  Codice diAutoregolamentazione della Rai a proposito dei  processi in televisione.

L’avvocato di Santoro spiega che la decisione presa dalla corte  arriva dal fatto che  “il pregiudizio paventato dalla Rai non si pone quale conseguenza diretta delle statuizioni di condanna contenute nella sentenza”.

Come si arriva poi a questa decisione? La Corte nella sentenza ha affermato che è la Rai che deve intervenire per prima in questi casi.  L’azienda dovrebbe ” esercitare un’attività di controllo compatibile con l’elevatezza delle mansioni esercitate e con il contenuto intellettuale e creativo dell’attività giornalistica”.

Vedremo cosa dirà in merito, se ne farà cenno, Michele Santoro nella puntata di Annozero di questa sera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.