Bambino violentato dal maestro, gli altri sapevano

Ennesimo dramma della violenza e degli abusi ai danni dei minori, stavolta il piccolo protagonista è un bambino di nove anni, che è stato violentato e anche minacciato di morte,  per due volte dal maestro di scuola elementare di un Comune del Cremonese che ricopre tra l’altro anche un incarico pubblico come amministratore comunale.

Stando a quanto riportato dalla denuncia, effettuata dai genitori del piccolo, il primo atto di violenza risale al 25 marzo: durante le attività sportive, nella doccia della piscina il bambino ha subito pesanti abusi. Il secondo è avvenuto venerdì 8 aprile, nei bagni della scuola elementare.
A rendere la vicenda, già di per sé orribile, ancora più spaventosa, sarebbe il silenzio di 2 insegnati che avrebbero visto quanto stava accadendo. La prima volta, una delle due, alla ricerca dell’alunno, sarebbe andata all’interno delle docce dell’impianto sportivo, lì avrebbe visto la scena e avrebbe subito richiuso la porta davanti a sé facendo finta di nulla e attendendo il bambino all’esterno. La seconda volta, un’altra diversa insegnante avrebbe sorpreso il maestro nei bagni della scuola con il bambino e in quel caso avrebbe mandato via il collega per poi prendersi cura dell’alunno e confortarlo con la preghiera di non dire nulla per evitare problemi.
Il bambino sotto choc, in una fase iniziale, non aveva riferito nulla ai genitori. Sabato però si è confidato con la mamma. Così è scattata la denuncia ai carabinieri dopo il referto di conferma della violenza subita, rilasciato da un ospedale cremonese e confermato dalle indagini eseguite alla clinica Mangiagalli di Milano.

Giusy Cerminara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.