Foggia: arrestato l’assessore comunale, per lui l’accusa è di concussione

 

Stamattina a Lucera, piccolo paese in provincia di Foggia, sono scattate le manette per l’assessore comunale. L’arresto è stato effettuato dalla Guardia di Finanza del piccolo centro. L’accusa per l’assessore è di reato contro la Pubblica Amministrazione ma, più in particolare, l’uomo è accusato di concussione diretta ad una azienda che era stata incaricata di effettuare dei lavori di ristrutturazione di una opera pubblica. La Guardia di Finanza stava già indagando per lo stesso reato, altri politici del comune di Lucera. Poco prima dell’assessore, infatti, nei giorni precedenti i militari avevano arrestato anche un consigliere comunale colpevole di aver agito illegalmente in una gara effettuata per l’assegnazione del trasporto pubblico urbano e degli scuolabus. La gara che era stata indetta proprio dall’amministrazione. Duri colpi, insomma, alla criminalità economica del paese di Lucera grazie alle operazioni accurate della Guardia di Finanza che non si è fermata neanche di fronte ad una imprenditrice foggiana che in questi giorni dovrà rispondere del reato di usura con l’accusa di essere una intermediatrice finanziaria abusiva. Sono sempre più numerosi i crimini dei colletti bianchi che vengono puntualmente smascherati dalle Fiamme Gialle nonostante la difficoltà intrinseca di questi reati che, per la loro natura, richiedono operazioni lunghe e delicatissime.

Capita spesso, di imbattersi in persone quasi sempre insospettabili e che proprio per questo possono permettersi di agire indisturbati e reiterare, così, i loro crimini impunemente. I posti di potere che occupano, permettono loro di avere un notevole potere decisionale e che molto spesso incute timore nei confronti dei cittadini comuni che rimangono inermi di fronte alle loro prese di posizione, specie quando si tratta di particolari tipologie di crimine come ad esempio l’usura e la concussione. La scrupolosità delle persone addette ai lavori, unitamente alla strumentazione adoperata e altamente tecnologica, però, ci permette di leggere quasi quotidianamente notizie di esiti positivi come questa.

Giselda Cianciola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.