Bronzi di Riace: i calabresi contrari al nuovo spot

Il nuovo spot pubblicitario dedicato alla Calabria che vede come protagonisti due “aitanti Bronzi di Riace che giocano a pari e dispari davanti alle immagini dello splendido territorio calabrese, costato ben 2,5 milioni di euro, non è piaciuto affatto ai calabresi che al contrario, hanno considerato questa campagna pubblicitaria “troppo disdicevole” nei confronti di due capolavori che vengono messi a nudo “come due bulli in un campo nudista”.

La saga sulla questione dello spot è cominciata  con una lettera al Quotidiano della Calabria in cui si consigliava al Presidente della Regione Calabria la “bruttezza” di questo spot.  A seguito ci sono state le ire dell’ Archeologo calabrese Salvatore Settis che ha giudicato lo spot “vergognoso“.  E come se non bastasse ci si aggiunge la Confindustria calabrese che attraverso un comunicato fa sapere che questo spot era già stato motivo di numerose critiche,quando venne per la prima volta  presentato alla Bit di Milano. Svelando l’altarino che dopo le critiche sarebbe stato archiviato e invece, al contrario e adispetto delle critiche, è stato comunque mandato in onda.

Non c’è che dire, i calabresi sono davvero infuriati per questa pubblicità che secondo il loro parere non fa altro che danneggiare l’immagine di questi splendidi capolavori e del turismo calabrese. Molti esponenti importanti e critici appartenenti al territorio calabrese ne hanno richiesto il ritiro di questo spot, giudicato “offensivo”.

Staremo dunque a vedere quali saranno le vicende che susseguiranno, se lo spot sarà davvero ritirato o continueranno a mandarlo in onda. Certo è che 2,5 milioni di euro da togliere alla Regione Calabria senza soddisfare nemmeno il minimo livello di piacimento, è davvero uno spreco…

 

 

2 responses to “Bronzi di Riace: i calabresi contrari al nuovo spot

  1. personalmente trovo lo spot ironico e delizioso. Ho visitato la Calabria e visto i bronzi. Grandiosi!!
    Non ho udito peraltro di cittadini toscani disturbati dallo spot altrettanto ironico e ”dissacrante” che vede Neri Marcorè nei panni di Leonardo.Anche un sorriso può talvolta essere veicolo di curiosità e conoscenza.

  2. Si, è vero, sono tanti quelli a cui non piace lo spot, ma io ne ho contati 10 a cui piace per ogni persona a cui non piace. Mi sembra quindi che la superficialità imperi nelle dichiarazioni che si leggono su alcuni quotidiani.
    In quanto al fatto che venga giudicato addirittura offensivo mi autorizza a dire che ci dovremmo offendere più per la spocchia e la supponenza che dimostriamo quando apriamo bocca e sputiamo sentenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.