Maturità 2011 tracce della prima prova: da Ungaretti all’alimentazione

E’ iniziata questa mattina la prima prova degli esami di maturità che vede coinvolti ben 600 mila studenti in tutta Italia. Fino all’ultimo minuto di ieri, 21 giugno 2011, gli studenti hanno cercato nel modo più disparato di cercare di prevedere i temi che sarebbero potuti uscire questa mattina. Si è parlato molto a proposito, nel corso degli ultimi giorni, dell’Unità d’Italia, della figura e dell’operato di Giovanni Paolo II, di Pascoli per l’analisi del tempo, di energia nucleare, fukushima e energie rinnovabili per quanto riguarda il tema di attualità. Ma, come sempre, nessuna traccia tra quelle nominate è stata oggetto d’esame di questa mattina, 22 giugno 2011. Vediamo insieme quali sono le tracce del tema di maturità 2011.Secondo le ultime indiscrezioni, ancora non ufficiali apparse su alcuni siti web, si parlebbe di Giuseppe Ungaretti e dell’analisi della poesia Lucca. Le altre tracce riguardano: per l’ambito socio-economico, I giovani e la solidarietà, con a disposizione materiale del libro di Don Bosco e riferimento art.3 della Costituzione. Per l’ambito artistico-letterario, Andy Warhol e la pop art: in particolare, ci si sofferma sulla frase “nel futuro ognuno sarà famoso, al mondo per 15 minuti“, e partendo da questa affermazione viene chiesto al candidato di analizzare il valore asegnato alla fama nella società odierna, riflettendo sul concetto di fama proposto dalla tv o diffuso dai social network. Per l’ambito storico-politico troviamo Il crollo dei regimi dittatoriali con materiale de “La Rivoluzione dei gelsomini” di Tahar Ben Jelloun. Per l’ambito scientifico-tecnologico, Enrico Fermi e Le energie che cambiano il mondo. E ancora, il Secolo breve di Eric Hobsbawm, l’amore e l’alimentazione, il Novecento, poi un tema di amore e passioni partendo da alcuni brani di autori, tra cui Gabriele D’Annunzio. Per quanto riguarda l’alimentazione, al candidato si chiede di commentare la frase: “Siamo ciò che mangiamo“.

Ulteriori aggiornamenti nel corso dei prossimi minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.