Vicenza: la moglie lo tradisce e suo figlio in realtà è di un altro uomo, si impicca dal dolore

Una storia triste quella che viene dalla provincia di Vicenza. Purtroppo la vita privata diventa cronaca quando una storia finisce con un suicidio e con la vita di una persona spezzata. E’ nato tutto da un tradimento. Quando ha scoperto che il figlio di 4 anni non era suo, un operaio 39enne non ha retto al dolore e si è tolto la vita. L’uomo, che si sta separando dalla moglie, aveva chiesto l’esame del Dna.E’ questa la storia di un uomo che non ha retto al dolore per le bugie raccontate da sua moglie. Non abbiamo sentito la versione della donna ma immaginiamo che per arrivare a chiedere il test del dna le bugie siano state davvero tante. Difficile però capire i motivi che portano una moglie, una mamma, una donna a tradire così la fiducia dell’uomo che aveva sposato.

Come ha scoperto l’uomo che il bambino, quello che credeva essere suo figlio, non lo era? Era arrivato a chiedere l’aiuto dei dottori con un test del dna. La risposta l’ha avuta in tribunale qualche giorno fa: quel bimbo non lo aveva concepito lui.La ricostruzione delle ore successive a questa scoperta lascia senza parole. Pare che l’uomo non vivesse più in casa sua. Ospite di un amico, che in quel momento era assente, è sceso nel garage e si è impiccato. Ai genitori ha lasciato un biglietto, spiegando le motivazioni del gesto. Sui giornali locali qualche notizie in più in merito alla vita privata dell’uomo. L’operaio si era sposato 7 anni fa, e dopo 3 era nato il figlio. Ma il matrimonio è entrato in crisi quando il 39enne ha scoperto che la moglie aveva avuto e continuava avere relazioni extraconiugali. Da qui la richiesta della separazione, avvenuta poco più di un anno fa. Poi il desiderio di sapere se quel bimbo che amava tanto era suo o no. Ha sperato probabilmente più di ogni altra cosa al mondo che quel bambino fosse suo. Ma il test del dna ha fatto il resto. L’amore per il bambino non è servito. Il dolore per le menzogne è stato più grande e l’uomo ha deciso di togliersi la vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.