Monfalcone, incidente sul lavoro: operaio muore schiacciato da un blocco di cemento

monfalcone, operaio muore incidente sul lavoro

Grave incidente sul lavoro nel cantiere della Fincantieri di Monfalcone. Le ultime notizie rivelano che questa mattina, mercoledì 9 maggio, un giovane operaio è morto schiacciato da un blocco di cemento. Stiamo parlando di un ragazzo di soli 19 anni, impiegato in una ditta che lavora in appalto. Immediatamente l’operaio è stato soccorso dal personale del 118. Purtroppo il giovane è morto poco dopo in ospedale. Sappiamo che nel cantiere è scattato subito lo sciopero di tutte le maestranze.

INCIDENTE SUL LAVORO A MONFALCONE ULTIME NOTIZIE: OPERAIO DI 19 ANNI MUORE SCHIACCIATO DA UN BLOCCO DI CEMENTO

Tragisco incidente sul lavoro a Monfalcone, dove un operaio di 19 anni è morto. Il giovane si trovava nel cantiere della Fincantieri come impiegato di una ditta che lavora in appalto. Stando alle ultime notizie, il ragazzo è stato schiacciato da un blocco di cemento del peso di circa 700 chili, che si è staccato da una gru. Il personale del 118 è subito giunto sul posto, dove ha effettuato delle intense manovre di rianimazione. Sul luogo sono arrivati anche la polizia e i vigili del fuoco. Il 19enne è stato immediatamente trasportato in codice rosso all’ospedale Cattinara di Triste. Qui è morto qualche ora dopo. Nel cantiere è scattato subito lo sciopero di tutte le maestranze. A proclamarlo ci hanno pensato le rappresentanze aziendali dei sindacati metalmeccanici di Cgil, Cisl e Uil insieme alle segreterie territoriali. Il segretario della Fiom Cgil Gorizia, Livio Menon, ha rivelato che attualmente stanno lavorando per organizzare un’assemblea all’ingresso dei cantieri per domani mattina. Lo scopo è quello di “aprire una vertenza con il gruppo sulla gestione della sicurezza sia per i dipendenti diretti sia per le aziende dell’indotto”. Ci troviamo di fronte all’ennesimo incidente sul lavoro difficile da accettare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.