Sofiya e Pascal ultime notizie: a Chi l’ha visto una lettera anonima porta verso Veneto Banca


Nella puntata di Chi l’ha visto in onda il 19 settembre 2018 si sono riaccesi i fari su una storia che ormai da mesi, continua a essere un grande mistero. E’ la storia di Sofyia e di Pascal. E’ la storia di una donna ritrovata morta dopo esser scomparsa nel nulla, sulle montagne del Grappa; è la storia di un uomo accusato del suo omicidio che si è tolto la vita suicidandosi in casa. Questa l’apparenza ma qual è la realtà? La famiglia di Pascal non ha mai voluto credere che l’uomo si sia suicidato dopo aver ucciso la sua compagna di vita. Forse per la vergogna ma non per un omicidio. La sorella di Pascal si è affidata a una squadra investigativa per capire come siano davvero andate le cose e da quando il caso è finito nel mirino di chi indaga, sono state tante le cose scoperte. Come la vita di Sofyia, non doppia, non tripla ma piena di storie che si intrecciano. La donna infatti da anni aveva altre storie parallele a quella con Pascal: era la compagna di un geologo più anziano di lei, con il quale stava da almeno 9 anni. Da mesi invece aveva conosciuto un dottore, con il quale pare, progettasse, a detta delle amiche, una vita insieme. E poi ci sono altri uomini di cui però si sa poco. 

LA MISTERIOSA VITA DI SOFIYA E LA SUA MORTE: CHE LEGAME C’E’?

Nel corso della puntata di Chi l’ha visto in onda ieri su Rai 3, è stata letta e mostrata una lettera anonima arrivata in redazione. Una lettera scritta da una persona che dice di aver visto Sofiya in diverse occasioni, accompagnarsi a uno dei funzionari di Veneto Banca. Nella lettera si parla di festini e della possibilità che Sofiya possa aver sentito o visto qualcosa che non doveva ( magari in riferimento anche al crack della banca). Si tratta di una lettera anonima che potrebbe va detto, esser stata scritta da chiunque. Ma quando i giornalisti si recano a Montebelluna, scoprono che in paese molti si ricordano di Sofiya. E’ anche vero che la donna aveva il suo conto corrente proprio con Veneto Banca. In molti, davanti alle telecamere di Rai 3, dicono che Sofiya si accompagnasse a un uomo che aveva una Porsche bianca. In diverse occasioni l’hanno vista uscire con questa persona. Era un altro uomo che faceva parte della vita di Sofiya?

CHI HA UCCISO SOFIYA ? PASCAL E’ STATO SUICIDATO?

Carol, la sorella di Pascal spiega che da sempre si è chiesta dove suo fratello e Sofiya prendessero i soldi: “In tre anni hanno preso casa, con un mutuo che non so neppure come abbiano fatto ad avere, non lavoravano, quale banca glielo avrebbe concesso? E poi tre anni e hanno sistemato una casa da cima a fondo, i miei genitori c’hanno messo 40 anni a farlo. Io li guardavo e mi chiedevo come facessero.”

Inoltre, a proposito del cadavere di Sofya ritrovato sulle montagne venete, la sorella di Pascal spiega: “Lei era una donna molto attenta, si toglieva le scarpe in casa. E’ stata ritrovata senza scarpe il che mi porta a pensare che fosse scalza, in una casa di una persona della quale si fidava”. 

Gli avvocati di Pascal e il loro team lavorano a questo caso senza sosta e spiegano che ci sono anche delle novità per quello che riguarda la morte dell’uomo. Stando ad alcuni test fatti dai loro consulenti, pare che l’uomo, prima di morire, per diverso tempo sia stato i ginocchio, come se qualcuno volesse qualcosa da lui. Da sempre la sorella di Pascal batte la pista del suicidio inscenato ed è convinto che l’uomo non abbia nulla a che fare con la morte di Sofiya. 

Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

 

Close