L’omicidio di Sabrina Beccalli: potrebbero essere suoi i resti umani, ma cosa è successo quel giorno?


Le ultime notizie che arrivano da Crema smentiscono quelle che erano state le prime notizie trapelate poche ore dopo il Ferragosto. Si era detto che nella macchina di Sabrina Beccalli ci fossero solo delle ossa canine, si era detto che i resti appartenevano a un cane. Ma a quanto pare, non è così. Si stanno svolgendo infatti in queste ore nuovi test che dovrebbero permettere di capire se i resti ritrovati sono quelli di Sabrina. Le ossa infatti apparterrebbero a una donna. Il presunto assassino di Sabrina non parla: ha raccontato che la sua amica è morta dopo una overdose ma non ha mai voluto dire dove si trovano i resto. Invece per gli inquirenti la pista è un’altra: la Beccalli sarebbe stata uccisa perchè avrebbe rifiutato delle avanches. Adesso si attendono i risultati in arrivo dal Ris di Parma per capire in primis se quei resti sono della donna scomparsa a Ferragosto. E poi si dovrà anche capire, come è morta la Beccalli.

La famiglia di Sabrina vuole vederci chiaro ed è per questo che si è affidata alla consulenza dell’ex generale del Ris, Luciano Garofano. Intanto, Alessandro Pasini, l’uomo accusato di aver ucciso la Beccalli, continua a ribadire la sua versione dei fatti. Avrebbe ammesso di aver bruciato il cadavere ma non di aver ucciso Sabrina che a suo dire, sarebbe morta a causa di una overdose di droga.

SABRINA BECCALLI ULTIME NOTIZIE: SI ASPETTANO ANALISI SUI RESTI

Gran parte dei resti ritrovati nell’auto erano già stati smaltiti, ma non tutti: sono stati recuperati alcuni piccoli pezzi di ossa, tra cui quella che risulterà essere poi una clavicola. Ora si aspetta solo l’esame del Dna, per fare luce su questa oscura vicenda. Una trentina in tutto le ossa che saranno analizzate per capire se davvero in quella macchina c’era il cadavere della mamma di Crema scomparsa a Ferragosto.

Resta un grande interrogativo: perchè se Sabrina è morta di overdose, come dice il suo amico, bruciare il cadavere che avrebbe invece potuto dimostrare la sua versione dei fatti?

Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close