Torna il lockdown in tutta Italia? Conte decide entro il 15 novembre

Torna il lockdown in tutta Italia? Il premier Conte è intervenuto ieri per modificare il decreto emanato soltanto pochi giorni fa e inserendo alcune regioni considerate a moderata criticità nella fascia arancione, ovvero in quella fascia in cui le misure anti contagio sono più stringenti. Ma si teme che, a breve, il lockdown potrebbe tornare a essere generalizzato così come era stato a marzo quando la prima ondata della pandemia aveva messo in ginocchio l’intero paese cogliendolo impreparato. Il premier Conte aveva escluso una chiusura totale tra la fine di ottobre e gli inizi di novembre ma l’idea è che, se la situazione dovesse peggiorare ancora, tutta l’Italia chiuderà di nuovo. Gli appelli deell’ordine dei medici si moltiplicano di ore in ore, vista la complessa situazione che il nostro paese vive. Con una variante diversa rispetto marzo: questa volta in difficoltà sono gli ospedali di tutta Italia e non solo quelli del Nord.

Torna il lockdown in tutta Italia? Conte decide il 15 novembre

La data che tutti dobbiamo segnarci è quella del 15 novembre, quando il Governo tornerà ad analizzare i dati relativi ai contagi da Coronavirus. Se fossero ancora in crescita, nonostante le misure di restrizione finora adottate, si potrebbe optare per un lockdown riguardante tutta Italia con il chiaro obiettivo di contenere i danni di questa seconda ondata di pandemia. Gli ospedali in molte regioni sono al collasso, alcuni medici già nei giorni scorsi hanno chiesto a gran voce la chiusura totale del paese, e anche se per il momento alcune regioni restano in zona gialla, l’ipotesi di un triste ritorno alla situazione di marzo c’è e resta molto concreta. Un nuovo DPCM per il 15 novembre, dunque, non è da escludere. Occorrerà prima valutare però nuovamente i dati dei contagi, per capire quanto la situazione potrebbe essere critica.

Torna il lockdown in tutta Italia? Preoccupa la situazione degli ospedali

A preoccupare maggiormente è la situazione di alcuni ospedali le cui terapie intensive sono quasi già interamente occupate. I ricoveri continuano ad aumentare e la situazione in ottica futura non è certamente rosea. Il 15 novembre il Governo potrà valutare se le restrizioni adottate nelle ultime settimane stanno cominciando a portare benefici in termini di diminuzione dei contagi.

Qualora così non fosse, resta probabile l’idea di una chiusura totale che per il momento riguarda invece sono le regioni inserite in zona rossa e quelle in zona arancione (con però minori restrizioni). Tutto insomma è da vedere e da valutare, dati alla mano. La prossima settimana sarà sicuramente decisiva per capire cosa potrebbe aspettarci per la seconda metà di novembre. Torneremo al lockdown generalizzato? L’intera Italia trema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.