Dpcm Natale, tolleranza zero: no allo sci e agli spostamenti tra regioni, le ultime

pista sci

Il Dpcm di Natale sarà a breve reso ufficiale ma le prime indiscrezioni che trapelano parlano di tolleranza zero da parte del Governo che punta sempre più su misure molto restrittive in vista delle festività. In questi giorni si è detto tutto e il contrario di tutto e chiaramente, solo quello che sarà messo nero su bianco, avrà valore. Mancano ormai pochissime ore all’uscita del nuovo DPCM e l’attesa è davvero tanta.

Secondo le ultime notizie, non solo le piste da sci resteranno chiuse, a quanto sembra, ma anche gli spostamenti tra regioni non saranno consentiti. Queste misure al fine di ridurre gli assembramenti e evitare risvolti pesanti una volta terminate le feste. In attesa che il nuovo decreto diventi ufficiale, cerchiamo di capire quelli che saranno gli aspetti presi in considerazione dal Governo. Il malcontento è di base già molto e il nuovo Dpcm di Natale potrebbe ulteriormente alimentarlo.

Dpcm Natale, tolleranza zero: no allo sci

Nei giorni scorsi gli albergatori di montagna e coloro che in genere lavorano per la stagione invernale hanno chiesto a gran voce la riapertura delle piste da sci con l’obiettivo di smuovere qualcosa a livello di turismo. Alcune regioni del Nord, quelle che maggiormente vivono di questo sport e di tutto quello che vi gira intorno, avrebbero lanciato una proposta: fare accedere agli impianti solo coloro che vantano una seconda cosa oppure chi può dimostrare di stare soggiornando in hotel (per minimo una notte). Un’idea dell’ultimo minuto per cercare di ripartire in vista delle festività natalizie che, per i luoghi di montagna, sono sempre le più soddisfacenti a livello economico. Ma a quanto pare il Governo non sembra essere intenzionato a cedere: i Ministri Boccia e Speranza sembrano essere intenzionati a continuare sulla linea dura quindi niente apertura delle piste da sci nemmeno con ingressi limitati. Troppo pericoloso riaprire gli impianti con il rischio di code e assembramenti.

Dpcm Natale, tolleranza zero: divieto di spostamento tra regioni

Un altro importante aspetto è quello legato ai ricongiungimenti familiari. Si potrà raggiungere i familiari per questo Natale? Ancora la questione resta aperta e in questi giorni il Governo stava lavorando per cercare di individuare il numero massimo di persone da far sedere attorno alla stessa tavola durante le festività. Negli ultimi giorni però si è fatta largo la notizia secondo cui resterebbe il divieto di spostamento tra regioni salvo casi particolari che saranno resi noti nel prossimo Dpcm Natale. Nonostante alcune regioni siano in zona gialla (e altre potrebbero diventarlo da qui a Natale) gli italiani potrebbero non raggiungere i propri cari qualora questi abitassero in una regione diversa. Giovedì il mistero sarà svelato, l’Italia intera attende trepidante per capire cosa poter fare a Natale, in quella che sarà una festa decisamente lontana dalla tradizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.