Ritorno a scuola il 7 gennaio 2021: tutte le ipotesi

Ritorno a scuola il 7 gennaio

Ritorno a scuola il 7 gennaio 2021: le ipotesi al vaglio del Governo sono tantissime e, a distanza di pochi giorni dal tanto agognato rientro in aula, non si sa ancora con certezza chi davvero potrà tornare a fare lezione in aula e chi invece dovrà continuare con la ormai famosa DAD, ovvero la didattica a distanza. In queste ore sta crescendo l’attesa, dunque, tra tutti quegli studenti che aspettano di conoscere il loro imminente destino. Ma la situazione in Italia resta complicata. Non solo per il dilagare dei casi, con i nuovi contagi che continuano ad aumentare ma anche perchè il Governo è chiamato a prendere delle decisioni importanti che potrebbe comunque condizionare ( in base al numero delle regioni in zona rossa) anche il rientro a scuola di bambini e ragazzi.

Cosa succederà quindi tra poche ore? Si deciderà di rimandare ancora il rientro a scuola di bambini e ragazzi? Vediamo quelle che sono le ipotesi più accreditate su un ipotetico ritorno a scuola il 7 gennaio, all’indomani della fine delle festività natalizie.

Ritorno a scuola il 7 gennaio 2021: tutte le ipotesi

Tra le ipotesi attualmente probabili, c’è quella che prevede la possibilità per le regioni che il 7 gennaio avranno il colore giallo di riaprire le loro scuole superiori in presenza al 50 per cento. Questo ovviamente per quanto riguarda gli studenti di scuole medie e superiori, mentre resterebbe ferma la presenza dei bimbi a scuola per quanto riguarda materna e elementari (per le quali la presenza è stata sempre considerata caratteristica fondamentale).

Le regioni arancioni (Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Emilia Romagna, tra le altre) sarebbero esenti da questa decisione anche se come sappiamo le regioni potranno poi decidere in totale autonomia se rimandare a scuola gli studenti oppure no (Campania e Puglia hanno per esempio palesato la loro intenzione di posticipare l’apertura emanando un proprio calendario regionale mentre l’Emilia Romagna, seppur considerata a alta criticità starebbe pressando per un rientro in aula già dopo la Befana).

Ritorno a scuola il 7 gennaio 2021: è scontro tra Governo e Regioni

Il rientro a scuola dopo l’Epifania continua comunque a essere argomento di forte scontro tra Governo e Regioni. Il premier Giuseppe Conte continua a lavorare nella direzione annunciata prima delle feste ovvero quello di consentire il rientro a scuola degli studenti, nonostante la curva dei contagi continui a non scendere. Mentre alcune regioni vorrebbero posticipare considerando il rientro in presenza una variabile troppo pericolosa sopratutto in un momento come questo in cui il numero dei contagi da Covid 19 continua a non scendere, nonostante le misure restrittive imposte dal Governo durante le festività natalizie. Le prossime ore potrebbero essere davvero decisive, dunque, per capire quale futuro attende gli studenti. Sotto accusa anche la capienza dei mezzi pubblici e la pericolosità degli assembramenti che potrebbero crearsi tra gli studenti, specie delle superiori, che dovrebbero recarsi a scuola in autobus o metro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.