C’è un video con le immagini dell’assassino di Ilenia Fabbri: è caccia al killer

L’amica di Arianna lo ha visto in casa, pochi secondi ma sufficienti da poter dire che si trattava di un uomo vestito forse di scuro, molto alto. E questa persona potrebbe esser stata ripresa da una telecamera: è caccia quindi al killer di Ilenia Fabbri che potrebbe avere nelle prossime ore, quanto meno una sagoma che faccia capire a chi indaga come muoversi. Non ci sarebbero quindi più dubbi: la mattina dell’atroce omicidio, il killer potrebbe esser stato ripreso da una o forse da più telecamere. Sarebbe quindi il killer, forse assoldato per questo omicidio, l’uomo che si vede nelle immagini registrate il 6 febbraio scorso da una telecamera privata della zona poco prima dell’omicidio della donna nella sua casa di Faenza (Ravenna).

Un professionista che non ha studiato nel minimo dettagli i movimenti, visto che è stato ripreso? Lo pensano gli inquirenti che poche ore fa si sono sbilanciati parlando di un killer “non professionale, ma pericoloso“. Viene descritto in questo modo l’assassino di Ilenia Fabbri dal procuratore capo facente funzione Daniele Barberini, per il quale la polizia scientifica sta eseguendo valutazioni “su aspetti morfologici” proprio sulla base del video in questione.

E’ caccia al killer di Ilenia Fabbri ripreso da una telecamera

La conclusione, come si legge oggi sul Corriere di Romagna, si fonda su tre aspetti: l’orario del suo arrivo a ridosso dell’omicidio della 46enne, i movimenti sospetti e la sua corporatura, compatibile con quella descritta dall’unica testimone oculare del delitto, ovvero la compagna della figlia presente in casa quella notte e che ora è stata messa sotto protezione.

Si tratta di una sequenza della durata di 15 secondi circa immortalata tra le 5.50 e le 5.52 dalla telecamera di una casa di via Testi, strada che interseca via Corbara, dove è stata uccisa Ilenia. Video che conferma delle indiscrezioni trapelate dalla stampa anche qualche giorno fa. Se ne era parlato anche nel programma di Rai 1 Storie Italiane, dove si era dato un primo possibile identikit di questa persona.

Oggi viene quindi confermato che nelle immagini appare una persona vestita di scuro e con cappuccio che cammina sul marciapiede fino a fermarsi quasi sotto all’obiettivo. Forse si accorge della telecamera: gira di scatto verso sinistra, riprende a camminare ma dall’altra parte, come se fosse in attesa. IN pochi secondi quini, gli attimi precedenti all’omicidio di Ilenia Fabbri. Pochi frame che potrebbero però essere determinanti e fondamentali per la ricerca del killer. Nel video si vede poi l’uomo che attraversa l’incrocio tra via Testi e via Corbara e scompare.

La stessa telecamera ha immortalato, pochi minuti dopo l’arrivo dell’ex marito di Ilenia, nella sua macchina. Claudio Nanni, ex marito della vittima ora indagato a piede libero per omicidio doloso pluriaggravato in concorso con persona ignota. Secondo l’accusa sarebbe stato lui a commissionare il delitto. Sono le 5.57 quando Claudio arriva presso la villetta e manda un messaggio a sua figlia dicendole di scendere per partire alla volta di Milano. Pochi minuti dopo i due sono già in viaggio e la telecamera sempre di via Testi registra di nuovo il passaggio della sua auto. Il resto della storia è cosa nota.

Stiamo lavorando su queste immagini e sugli aspetti morfologici”, spiega il procuratore capo Daniele Barberini. Potrebbe essere importante anche un altro fatto: il killer non si aspettava forse che Ilenia cercasse con quella veemenza di difendersi. Forse la donna lo ha fatto anche sapendo che in casa c’era una ragazza così giovane che rischiava la vita. E questo potrebbe aver causato delle ferite all’assassino. Determinanti quindi anche i test e le analisi che saranno fatte alla ricerca di materiale biologico sotto le unghie di Ilenia. Se ha lottato e magari ha anche ferito il suo aggressore, potrebbe esserci del dna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.