Marina di Lesina, Maurizio Cologno ucciso davanti a uno stabilimento balneare

Le ultime notizie dal foggiano: un uomo è stato ucciso oggi pomeriggio davanti a un lido a Marina di Lesina
agguato marina di lesine

Sabato che finisce nel sangue in questa giornata di metà agosto in Puglia. Le ultime notizie arrivano dalla provincia di Foggia: pochi minuti fa a Marina di Lesina, nel Foggiano, c’è stato un omicidio. Un uomo di 51 anni è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco all’ingresso dello stabilimento balneare “Holiday” che si trova in località Punta Pietre Nere. La vittima si chiamava Maurizio Cologno ed era noto alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio e in materia di stupefacenti. Cologno è stato ucciso a pochi metri dallo stabilimento balneare, sotto lo sguardo incredulo e impaurito dei turisti e dei bagnanti presenti. Sul posto è giunto personale del 118 ma per l’uomo non c’è stato nulla da fare. Sull’accaduto stanno indagando i carabinieri del comando provinciale di Foggia.

Non un volto nuovo per le forze dell’ordine foggiane. Il 2 marzo 2013, il Cologno, mentre era in regime di sorveglianza speciale, fu arrestato per violazione della misura di prevenzione, danneggiamento aggravato, minacce e violenza privata, dopo aver sfondato la porta della segreteria del comune di San Severo e minacciato assessori, impiegati e il capo di gabinetto.

«Abbiamo sentito le urla e poi abbiamo visto una persona accasciata a terra. È successo tutto in pochi istanti, non sappiamo nient’altro». È quanto riferiscono dal lido Holiday dopo la sparatoria, che – spiegano dal lido – «è avvenuta nel parcheggio».

Chi era la vittima

Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo sarebbe stato raggiunto da due sicari, uno dei quali ha esploso diversi colpi di pistola (almeno cinque) . Alcuni colpi esplosi dai sicari sono finiti sulla carrozzeria di un’auto in sosta nelle vicinanze. Sulla scena del crimine, anche un monopattino che, probabilmente, Cologno utilizzava per spostarsi. I bagnanti presenti in spiaggia avrebbero avvertito il rumore dei colpi senza però comprendere che cosa stesse accadendo. Poi purtroppo la drammatica scena.
Originario di San Severo, Cologno lavorava come parcheggiatore e come custode notturno. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.