Rivolta in Libia, Gheddafi: “Resto fino alla morte”

rivolta libia

Situazione sempre più incandescente in Libia. L’aviazione militare continua a lanciare bombe contro i rivoltosi, i mercenari sparano ad altezza uomo. Soltanto a Tripoli ci sarebbero un migliaio di morti. Situazione molto caotica anche a Bengasi, seconda città del Paese africano. Il suo aeroporto è stato messo fuori uso. A controllare la situazione sono ormai i ribelli.

Intanto Gheddafi è tornato a fare sentire la sua voce. Lui di dimissioni non vuole sentire nemmeno parlare. Il leader libico si è scagliato contro i rivoltosi e ha detto che non si arrenderà mai. “Resterò a capo della rivoluzione fino alla morte”, ha detto Gheddafi. “Io sono un rivoluzionario. Ho portato la vittoria in passato di questa vittoria si è potuto godere per generazioni».

“Morirò come un martire, come mio nonno. Sono un beduino rivoluzionario e la Libia guiderà l’Africa e l’America del sud”, ha detto ancora il leader libico, il quale ha definito i ribelli “ratti pagati dai servizi segreti stranieri. Ora c’è una relativa calma e sicurezza nel Paese. E vogliamo usare questa calma per riportare l’ordine”.

Poi l’appello a ciò che rimane del suo popolo: “Il potere è sempre stato nelle vostre mani. Il popolo è responsabile delle decisioni: voi avete deciso che il petrolio sia gestito dallo Stato, lo hanno deciso i comitati popolari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.