Infermiera suicida, parla la radio da cui è partito lo scherzo

Torniamo sul caso che riguarda la misteriosa morte dell’infermiera inglese che aveva subito uno scherzo telefonico nei giorni in cui, nella struttura ospedaliera in cui lavorava, era ricoverata la duchessa di Cambridge, Kate Middleton. La donna, come ormai tutti sapranno, credendo di parlare con la Regina Elisabetta e il Principe Carlo, aveva dato delle informazioni riservate circa lo stato di salute della principessa Kate. In realtà parlava con due conduttori radiofonici, che avevano deciso di spacciarsi per i “reali” d’Inghilterra. Il giorno dopo lo scherzo, l’infermiera è stata trovata morta. Adesso sappiamo anche il suo nome: si chiamava Jacinta Saldanha, ed è la donna nella foto. Oggi a parlare è l’emittente radiofonica da cui è partito lo scherzo, o meglio, il Ceo di “2day FM” Rhys Holleran. Ecco le sue parole.

“Non è uno strumento nuovo, si fanno scherzi da decenni. Siamo certi poi di non aver infranto la legge. È stato un tragico evento che non potevamo prevedere, siamo profondamente rattristati dall’accaduto e i due Dj responsabili dello scherzo sono comprensibilmente sconvolti”. I due conduttori da quel che si appreso sarebbero stati sospesi, ma non licenziati, come invece chiede a gran voce il pubblico, che è rimasto sconvolto dalla vicenda. Adesso  l’authority per le comunicazioni aprirà un’indagine. Il programma incriminato ha grande successo in Australia ed è conosciuto per essere politicamente scorretto.

L’ipotesi del complotto – Nel frattempo, si inizia a pensare che quello di Jacinta non sia stato un suicidio, ma una messa in scena e che in realtà sia stata uccisa. Chi conosceva la donna l’avrebbe descritta come una persona stabile e serena, probabilmente non sarebbe arrivata a togliersi la vita per esser stata vittima di uno scherzo telefonico. Adesso solo l’autopsia potrà svelare le reali cause della morte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.