Attentato Nizza: nei video la disperazione di chi cercava di scappare

Una serata di festa, una serata di divertimento dedicata a un grande giorno nella storia di Francia. Chi ha colpito lo sapeva bene. 84 morti nell’attentato di Nizza: la Francia conta ancora una volta le vittime di un agguato. E lo choc dei presenti, di chi c’era e oggi può raccontare quello che è accaduto, è grande. Tanti i video dei presenti, di chi ha filmato dalla sua abitazione quello che stava accadendo. Un tir che arriva sulla promenade, un uomo che scende che si guarda intorno, che spara. Pare che qualcuno lo abbiamo anche invitato a non farlo, alcuni testimoni lo raccontano. Ma i video del 14 luglio 2016, che ci mostrano i drammatici attimi dell’attentato in Francia, sono video di morte. I bambini erano a passeggio con i loro genitori, avevano le bambole con loro. Vite spezzate di chi mai avrebbe immaginato potesse accadere. E oggi invece le parole di chi sapeva: c’era una grande allerta, sapevamo che dopo Euro 2016 avrebbero colpito. E in un giorno di festa, un giorno in cui l’allerta doveva essere alta, un uomo è sceso da un tir, un solo uomo, ha sparato e ha sparato ancora e ha ucciso 84 persone prima che qualcuno spezzasse la sua di vita.

CONTINUANO LE RICERCHE PER I DISPERSI

Nei video dell’attentato a Nizza, che sembra essere opera di un piccolo gruppo di persone ma che in realtà è stato portato avanti probabilmente da un singolo, la disperazione di chi fugge, di chi cerca un posto in cui nascondersi. Le urla, la paura, il terrore. Genitori che perdono il controllo dei bambini, piccoli che finiscono sotto il fuoco di chi ha deciso di mettere fine alla loro vita. Una notte di dolore, una tragedia, l’ennesima per la Francia, l’ennesima per noi che da ore continuiamo attoniti a guardare le immagini. Da lontano certo, anche se poi così lontani non siamo. La Costa Azzurra è anche casa nostra, degli italiani che lavorano in alberghi, ristoranti, luoghi di turismo. E la paura che i prossimo potremmo essere noi, cresce purtroppo sempre di più.

I VIDEO DELL’ATTENTATO IN FRANCIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.