Champions League- Manchester United e Barcellona prime semifinaliste

Ieri si sono conclusi i primi due quarti di finale che hanno designato le prime due semifinaliste di Champions League, ossia Manchester United e Barcellona, che si sono confermate due delle squadre più solide, e sicuramente le principali favorite per la vittoria finale.

Manchester United-Chelsea 2-1 (1-0)

La partita di ieri sera, se mai ce ne fosse bisogno, è stata la conferma di quale sia la squadra più forte di Inghilterra, in questo momento. Un  Manchester United, come siamo, ormai abituati a vedere, di una solidità e dia una personalità assolutamente straordinari e il merito di tutto questo è sicuramente di Ferguson. Quella del tecnico scozzese è una squadra, una squadra nel vero senso della parola: la fotografia dell’attaccamento che ognuno dei giocatori dello United dimostrano verso la maglia che indossano è Rio Ferdinand, che nonostante zoppicasse è rimasto in campo 90 minuti, stringendo i denti e dando comunque un apporto estremamente positivo. Dall’altra parte c’era un Chelsea irriconoscibile, una squadra che non si avvicina, neanche lontanamente, alla squadra che rifilava ogni volta sei gol agli avversari ad inizio campionato.

In questo caso lo specchio di quello che è il Chelsea in questo periodo è Fernando Torres, che non più lo stesso giocatore; sembra aver perso quelle doti atletiche che avevano sempre fatto di lui uno dei più grandi attaccanti al mondo; fa fatica a correre, cammina a testa bassa. Ma, ieri, non era l’unico a non crederci. La partita è stata decisamente più vivace rispetto alla partita d’andata, ma la squadra di Ancelotti non si è mai resa più di tanto pericolosa. Lo United passa in vantaggio in chiusura di primo tempo, al 43′, con Chicharito Hernandez. Il Chelsea nella ripresa  attacca con più decisione, anche grazie all’ingresso di Drogba, autore del gol che restituisce la speranza ai londinesi, ma la speranza dura pochi secondi. Il Manchester si riporta immediatamente in vantaggio con Park Ji Sung, un giocatore assolutamente sottovalutato e che nelle partite importanti è sempre decisivo. Una batosta, questa, per Ancelotti che vede la sua permanenza al Chelsea messa fortemente in dubbio.

Shaktar Donetsk-Barcellona 0-1(1-5)

Dopo un risultato, 5-1, che aveva già, presumibilmente chiuso la pratica, Guardiola decide comunque di non dare riposo ai suoi titolari, anche in vista del clasico che si giocherà sabato al Santiago Bernabeu. Lo Shakhtar parte bene, e pur essendo consapevole di essere di fronte ad un’impresa impossibile, vuole ugualmente regalare spettacolo al  proprio pubblico. ma al Barcellona basta accelerare un pò per chiudere la pratica: al 43′ è sempre Leo Messi che mette a segno il suo 48 gol stagionale. Il secondo tempo procede comunque nel segno del bel gioco, ma il punteggio resta fermo sull’1-0. Il Barcellona pensa, in attesa della partita del Real Madrid di stasera, alla prospettiva dei quattro scontri con i rivali spagnoli, in 18 giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.